25 March 2019
Gli anni
1976
1977
1978
1979
1980
1981
1982
1983
1984
1985
1986
1987
1988
1989
1990
1991
1992
1993
1994
1995
1996
1997
1998
1999
2000

1994 - IL PLESSO DEI MEDIA

1994 - IL PLESSO DEI MEDIA

1994: I programmi dell'anno

L'anno inizia all'insegna della fantasia con L'Atlantide, una fiction ambientata alla fine dell'Ottocento in un'Algeria seducente. Narra di due amici, reduci dalla Legione Straniera, che si avventurano in quelle terre alla ricerca della civiltà scomparsa di Atlantide. Con una caratteristica particolare: i protagonisti rappresentano due differenti concezioni della vita che li portano a collidere, dando sapore ad una storia avvincente e dai contorni quasi "filosofici".

Per gli amanti della sitcom, un atteso ritorno: Gigi Proietti con Italian restaurant, nei panni di un emigrante italiano a New York, coinvolto da un amico nella gestione di un ristorante che è anche l'obiettivo della criminalità organizzata. Lo affianca, nella lotta contro i malviventi, la sorella dell'amico, una frizzante Nancy Brilli. Alla fine il bene trionfa e i due convolano a giuste nozze.

Tra le tante proposte dell'anno, ce n’è una che rappresenta una vera novità, nel panorama della programmazione, e che solleva molto scalpore per il modo atipico con cui tratta l'argomento. Si tratta di Combat Film, una raccolta di documentari realizzati dagli operatori di guerra americani durante la campagna d'Italia negli anni 1943-45. La serie richiama sia l'attenzione del pubblico sia le polemiche sul taglio, intenzionalmente filologico, degli autori e del suo ideatore, Vincenzo Olla. Colpevoli, secondo i critici, di aver privato il programma di tutti riferimenti contestuali al periodo cui si riferivano, limitandolo alla nuda cronaca del tempo e alle circostanze "temporali" delle riprese. La scelta degli autori è, però, di consentire allo spettatore di farsi un'opinione personale sui fatti legati al periodo bellico, al riparo, per quanto possibile, dalle inevitabili suggestioni dei consueti commenti da studio.

I gusti del pubblico si evolvono. Alcuni fatti eclatanti della vita pubblica, che stanno sconvolgendo la società italiana, sembrano essere i prodromi di un cambiamento epocale. A fronte del quale non può mancare la voce di Enzo Biagi, con il suo Processo al processo. Oggetto della trasmissione, ovviamente, è Tangentopoli di cui, per la prima volta, viene trattata l'anamnesi in modo da offrire alla pubblica opinione alcuni argomenti di riflessione sugli accadimenti politici del momento. Lo stile dell'autore, semplice e diretto come sempre, lascia ancora una volta il segno.

La rete non dimentica comunque l’intrattenimento, da sempre punto forte della propria programmazione: il 1994 vede infatti la nascita di due appuntamenti destinati ad avere grande successo, anche negli anni a venire. Il primo è I Cervelloni, in prima serata il giovedì: un format originale basato su una gara tra inventori, le cui creazioni vengono giudicate dal televoto del pubblico. Questa prima edizione, in onda il 21 aprile in diretta dal Teatro delle Vittorie, è affidata alla conduzione di Paolo Bonolis, affiancato da Gene Gnocchi.

L’altro appuntamento destinato a grande longevità è quello del preserale Luna park: un gioco a premi - che ricalca proprio quelli tipici dei luna park - in onda dal lunedì al venerdì alle 18.50. La conduzione è affidata a staffetta a volti simbolo di RaiUno, come Pippo Baudo, Fabrizio Frizzi, Mara Venier, Milly Carlucci. Ha subito grande successo la parte finale del gioco, con "la zingara" Cloris Brosca, che dopo il Tg ha a sua disposizione anche un piccolo sipario con telefonate dai telespettatori.

Anche lo spazio pomeridiano dedicato agli spettatori più piccoli si configura in modo nuovo: nasce Solletico, un contenitore con cartoni animati, telefilm, videogame cui possono partecipare telefonando i ragazzi da casa, e giochi a squadre realizzati in studio. Un centralino resta a disposizione del giovane pubblico per raccogliere consigli e suggerimenti. Si conferma così, con questo appuntamento, l’impegno di RaiUno nei confronti di una fascia di utenti cui il servizio pubblico presta da sempre particolare attenzione.

Engineered by RaiNet 2007