15 October 2019
Gli anni
1976
1977
1978
1979
1980
1981
1982
1983
1984
1985
1986
1987
1988
1989
1990
1991
1992
1993
1994
1995
1996
1997
1998
1999
2000

1996 - LUSTRINI E IMPEGNO SOCIALE

1996 - LUSTRINI E IMPEGNO SOCIALE

1996: I programmi dell'anno

Che cosa hanno in comune Beato tra le donne e Telefono azzurro? Luci e paillettes il primo, e protezione dell'infanzia il secondo? Nulla, se non lo stato di necessità che solo il popolare programma, condotto da un frizzante Paolo Bonolis, può risolvere in quel momento. Infatti, in una puntata trasmessa eccezionalmente il 13 gennaio, i cento milioni di lire del premio in palio vengono devoluti all'organizzazione umanitaria. Un grande aiuto per mantenere in funzione la famosa linea telefonica che altrimenti rischia di chiudere.

Mille lire al mese, filosofia e titolo evocativo di magiche nostalgie, è un programma d'intrattenimento di grande successo. Lo conducono Pippo Baudo e Giancarlo Magalli. Nel ruolo dei ciceroni, guidano lo spettatore sul filo della memoria lungo novant'anni di vita italiana. I due anfitrioni, nel corso delle nove puntate (dedicate ognuna ad un decennio) dissertano piacevolmente su canzoni d'epoca o personaggi mito indicandoli come altrettanti segnalibri della storia del paese.

Tra gli sceneggiati, una novità: Donna, tratto da Matilde, originale radiofonico di Carlotta Wittig trasmesso nel 1984 con grande successo. Una realizzazione in sei puntate in cui la protagonista, Matilde, è in apparenza fragile ma dal carattere irriducibile; riesce perciò a superare una serie di tremende vicissitudini in cui viene coinvolta assieme ai parenti.

Novità anche sul fronte dell’informazione: nasce un approfondimento dell’attualità in forma di talk show, affidato a Bruno Vespa. Il titolo, Porta a porta, rivela proprio la spirito del programma, che è quello di avvicinare il pubblico televisivo ai grandi temi della società e della politica con un approccio affabile, quasi da "vicini di casa". Anche questo è un appuntamento destinato a caratterizzare fortemente d’ora in poi la seconda serata di RaiUno.

Una nota di costume, ma non solo, rende particolare il tradizionale appuntamento di RaiUno con Miss Italia. Per la prima volta nella storia del concorso riservato alle più belle, Fabrizio Frizzi – cui RaiUno ha affidato la presentazione del programma fin dal 1988, primo anno di trasmissione di Miss Italia sulle reti Rai – nella serata finale del 7 settembre annuncia che il titolo è stato conquistato da una ragazza di colore, Denny Mendez, di Santo Domingo ma in possesso di nazionalità italiana. Pur tra alcune polemiche, è un segno quanto mai evidente del cambiamento dei tempi, e di un’Italia multirazziale che ormai si è fatta realtà, anche televisiva.

Engineered by RaiNet 2007