19 November 2019
Gli anni
1976
1977
1978
1979
1980
1981
1982
1983
1984
1985
1986
1987
1988
1989
1990
1991
1992
1993
1994
1995
1996
1997
1998
1999
2000

1995 - LA VISIONE GLOBALE

1995 - LA VISIONE GLOBALE

1995: I programmi dell'anno

Sempre nella tradizione, secondo cui il primo evento dell'anno è la fiction, il pubblico può apprezzare La Famiglia Ricordi. E’ uno sceneggiato in quattro puntate sulla casa editrice musicale all'epoca del Risorgimento, che narra con tratti vividi, attraverso i protagonisti, la storia delle passioni politiche e dei nuovi ideali che spingevano un popolo alla ricerca di se stesso. E la cultura del tempo, con i suoi scrittori ed i compositori che il mondo conosce, fu lo stimolo di rinascita della coscienza e scandì gli avvenimenti epocali di un'Italia che diveniva nazione.

Chi vuole, invece, percorrere idealmente le tappe della storia più recente, vede nel varietà di Pippo Baudo e Giancarlo Magalli, Papaveri e papere, un modo leggero, ma non per questo disimpegnato, di ripercorrere cinquant’anni di vita italiana. I fatti più importanti del Paese vengono infatti legati, secondo lo schema dello spettacolo, ai contrappunti musicali delle più belle canzoni del momento.

Toni leggeri, ma che comunque affrontano una realtà che ormai è diventata comune come quella delle "famiglie allargate", per la serie di Pazza famiglia, in cui il protagonista Enrico Montesano – nei panni di un architetto ipocondriaco e vittimista – si trova alle prese con due ex mogli, due figli di madri diverse, colf extracomunitarie, portieri ficcanaso e un suocero allegro e vitale, affidato alla verve del grande Palo Panelli. Nel 1996 ne viene proposto il sequel Pazza famiglia 2.

Per l'intrattenimento puro torna, dopo una lunga assenza, Raffaella Carrà con una trasmissione tutta lacrime e gioia, Carràmba! che sorpresa, ispirata al format inglese Surprise, surprise e basata sulla commozione degli ospiti di turno nel rivedersi dopo tanti anni e dopo aver attraversato oceani e continenti.

Tra i programmi simbolo, un posto di rilievo spetta senza dubbio a La piovra, arrivata alla serie numero 7. Dopo il commissario Cattani e dopo Davide Licata, nuovo protagonista a fianco del giudice Silvia Conti è il vicecommissario di polizia Gianni Breda, interpretato da Raul Bova; scenario torna ad essere la Sicilia, tormentata da bande di estorsori dietro i quali si cela un’attività di riciclaggio di denaro sporco.

Infine, un nuovo appuntamento di attualità trova da quest’anno spazio su RaiUno, e anch’esso diventa un programma simbolo della rete: Il Fatto di Enzo Biagi. Cinque minuti al giorno, subito dopo il Tg di prima serata, per raccontare con brevi ed incisive inchieste un "fatto" del giorno. La trasmissione accompagna i telespettatori fino alla stagione 2001-2002.

Engineered by RaiNet 2007