22 March 2019
Gli anni
1976
1977
1978
1979
1980
1981
1982
1983
1984
1985
1986
1987
1988
1989
1990
1991
1992
1993
1994
1995
1996
1997
1998
1999
2000

1984 - LA CONCORRENZA E LA PIOVRA

1984 - LA CONCORRENZA E LA PIOVRA

1984: I programmi dell'anno

Il 1984 televisivo è segnato da due grandi eventi di natura differente ma entrambi di portata storica.
Da una parte, sul piano del mercato, si polarizza l’assassetto concorrenziale con l’acquisto di Retequattro da parte di Fininvest, che possiede ora tutti e tre i maggiori circuiti commerciali.
Dall’altra, sul piano dei contenuti, nasce La piovra, lo sceneggiato realizzato da Damiano Damiani, che avrà un forte impatto sull’immaginario collettivo e inaugurerà una saga durata più di un decennio.
In quest’anno inoltre nasce l’Auditel, società per la rilvazione imparziale e oggettiva dell’ascolto televisivo in Italia. I dati rilevati dalla Rai con il suo nuovo apparecchio meter, che sostituisce le vecchie interviste telefoniche, non potranno essere resi pubblici fino alla messa in funzione operativa dell’Auditel (nel 1986): è per questo che non ci sono dati ufficiali di ascolto per i programmi di quest’anno dei due successivi.
Da ricordare anche che questo è l’anno in cui il Televideo da sperimentazione diventa realtà: 200 pagine su RaiUno e RaiDue visibili al pubblico.
Accanto alla Piovra, altro sceneggiato di risonanza è Quei trentasei gradini, in sei puntate: la storia del portiere di uno stabile, una bambina, una donna benestante, e il contorno costituito dagli altri inquilini del palazzo. Una sorta di famiglia allargata, sui generis, che rappresenta uno spaccato della psicologia umana. Una vera e propria saga familiare è invece protagonista del film in otto puntate di Dino Risi ...E la vita continua, ambientato a Villa De Marchi.
L'edizione del Festival di Sanremo è condotta da Pippo Baudo, affiancato da Edy Angelillo, Iris Peynado, Elisabetta Gardini e Tiziana Pini. Rimane da ricordare l'ingresso al Teatro Ariston di un gruppo di cassaintegrati dell'Italsider, ai quali è dato spazio per esporre le difficili condizioni in cui versa la categoria dei metalmeccanici.
Un gradito ritorno è quello di Beppe Grillo con Te lo do io il Brasile. Il comico mostra il paese del calcio, del samba, del carnevale grazie ai reportage di due equipe che per l'occasione hanno setacciato il paese in lungo e in largo. Grillo, con la proverbiale capacità tribunizia, riesce a evidenziarne gli aspetti più singolari.

Da ricordare anche la celebrazione dei trent’anni di trasmissioni ufficiali con Buon compleanno TV, a cui è abbinato il concorso per “La più bella canzone dei trent’anni”, selezionata con il voto dei telespettatori: vincerà Il cielo in una stanza. Un’altro anniversario festeggiato su RaiUno è quello della Radio, i cui sessant’anni sono ricordati dal programma di Arbore Cari amici vicini e lontani.

Engineered by RaiNet 2007