Tonio Di Stefano

Direttore Reti e Piattaforme

Ruolo e responsabilità

Direttore Reti e Piattaforme

Compensi (€ lordi anno)

Retribuzione effettivamente percepita – anno 2020

inferiore a 200.000

Esperienza

Nato a Roma nel 1959, laureato con lode in Ingegneria elettronica presso l'Università La Sapienza di Roma, ha frequentato il corso di perfezionamento in telecomunicazioni presso la Scuola Superiore G. Reiss dell'Aquila. Ha svolto parallelamente all'attività professionale, quella accademica come collaboratore volontario presso l'Università la Sapienza dal 1985 al 1992.

Ha iniziato il proprio percorso professionale nel 1986 come progettista di software per telecomunicazioni presso la Ericsson-Fatme. Dal 1987 al 1992 ha lavorato in SIP-Direzione Generale nel settore Ricerca e Sviluppo. Dal 1992 al 1994 è in STET presso l'Ufficio Relazioni Comunitarie, con il compito di seguire gli aspetti tecnici connessi alla definizione della politica comunitaria per le telecomunicazioni. Dal 1994 al 1997 lavora in STREAM - Servizi Multimediali Interattivi S.p.A., prima in Pianificazione poi come Responsabile del settore Innovazione e Pianificazione Tecnologica.

Nel 1997 viene assunto in Rai in qualità di dirigente con l'incarico di responsabile dell'area "Pianificazione Tecnologica", nell'ambito della "Pianificazione Tecnologica e Piani di Investimenti" della Vice Direzione Generale per la Produzione e la Diffusione. Nel 1998 viene assegnato alla Direzione Business Development e Alleanze con l'incarico di operare in qualità di Project Manager.

Nel 1999 viene distaccato presso la Federcomin (Federazione di Confindustria delle aziende di telecomunicazioni, radiotelevisione e informatica).

Nel 2001 gli viene affidata la responsabilità dell'unità organizzativa "Analisi di scenario" della Direzione Strategie e Sviluppo Business. A seguito del riassetto organizzativo aziendale, nel 2004 diviene responsabile della struttura "Pianificazione Strategica" nell'ambito dell'unità organizzativa "Pianificazione Tecnologie" della Direzione Strategie Tecnologiche.

Nel 2007 viene assegnato alla Struttura Digitale Terrestre in qualità di responsabile dell'unità organizzativa "Sviluppo Risorse e Offerta". Nel 2013, in seguito ad una riorganizzazione, la Struttura Digitale Terrestre confluisce nell'ambito della Direzione Sviluppo Strategico.

Nell'ambito dell'area CTO, nel 2015 diviene responsabile di "Servizi di Piattaforma Satellitare", Struttura Satelliti e in seguito, nel 2018, assume la responsabilità dell'unità organizzativa "Sviluppo Strategico delle Reti" della Direzione Piattaforme e Distribuzione.

Nel 2019 diviene Vice Direttore dell'unità "Sviluppo Strategico delle Reti" nell'ambito della Direzione Reti e Piattaforme - CTO Infrastrutture Tecnologiche, e ad interim dell'area "Innovazione Reti IP".

Nel 2020 è nominato Direttore della Direzione Reti e Piattaforme nell'ambito dell'area CTO-Infrastrutture Tecnologiche.