RAI VATICANO SPECIALI WEB

REPORTAGE E APPROFONDIMENTI Leggi >>

Dio mio
Il racconto spirituale ed umano di personaggi celebri


L'uomo in bianco
L'UOMO IN BIANCO


22 GENNAIO

Il Santo  del Giorno
 

 san vincenzo
 
Gennaio XXII

Vincenzo di Saragozza (Huesca,…- Valencia, 22 gennaio 304) fu un diacono spagnolo che morì martire nelle persecuzioni, è venerato come santo dalla Chiesa Cattolica e da quella Anglicana. Patrono di Lisbona, Valencia e Vicenza, dei viticoltori e dei naviganti. Le reliquie sono custodite nella cattedrale di Lisbona.
Secondo la tradizione più attendibile nacque a Huesca, alle propaggini dei Pirenei in Spagna, ma secondo alcuni racconti sarebbe nato a Saragozza.
Di nobile famiglia, figlio del console Eutichio e della matrona Enola, Vincenzo ricevette un’educazione di alto livello: destinato alle lettere, venne ben presto affidato dal padre a Valerio, vescovo di Saragozza, perché provvedesse alla sua formazione spirituale. Il vescovo lo nominò arcidiacono, considerandolo suo braccio destro ed affidandogli anche il compito di predicare in sua vece.
In quel tempo Diocleziano scatenava la persecuzione contro i cristiani; gli editti dell'imperatore imponevano la distruzione di edifici, libri e arredi cristiani; i cristiani che ricoprivano cariche pubbliche sarebbero stati esautorati e sottoposti a torture e tutti i sudditi dell'impero prima di compiere una qualsiasi azione pubblica dovevano offrire sacrifici agli dèi secondo la religione pagana.
In questo clima terribile il vescovo Valerio e l'arcidiacono Vincenzo non si sottrassero ai loro doveri continuando a testimoniare la loro fede e Daciano, il prefetto della provincia spagnola nella quale vivevano, ordinò il loro arresto. Dopo essere stati giudicati dal tribunale di Valencia furono fustigati, torturati ed infine uccisi.
Con l'avvento dell'imperatore Costantino, che si era convertito al cristianesimo, a Valencia veniva fu eretta una basilica in onore di san Vincenzo e sotto l'altare principale venivano composte le sue reliquie. In seguito all'invasione dei Mori, i cristiani di Valencia trafugarono il corpo del Martire per metterlo al sicuro in Portogallo, in una chiesetta fatta appositamente costruire in località del promontorio oggi detto Capo San Vincenzo. Finita la guerra contro i Mori, le spoglie furono imbarcate in una nave che fece rotta verso Lisbona.  Giunto in città, il corpo venne deposto provvisoriamente nella chiesa di San Giusto e Santa Rufina e dopo qualche tempo, il 15 settembre 1173, venne traslato solennemente nella cattedrale. In ricordo vennero coniate delle monete.

         

Nel Martirologio si celebrano anche:

S. Anastasio il Persiano; SS. Francesco Gil de Frederich e Matteo Alonso de Leziniana.


 





 

 

 

 

 

 

 

 


 I SANTI DEL GIORNO

 
 
 

 

 

 


 

Rai.it

Siti Rai online: 847