RAI VATICANO SPECIALI WEB

REPORTAGE E APPROFONDIMENTI Leggi >>

Dio mio
Il racconto spirituale ed umano di personaggi celebri


L'uomo in bianco
L'UOMO IN BIANCO


10 MARZO

Il Santo  del Giorno
 

 san macario
 
MARZO X  

Macario (... – 335 circa) fu vescovo di Gerusalemme. Viene commemorato come santo dalle Chiese cristiane il 10 marzo.

 Atanasio, in una delle sue orazioni contro l’arianesimo cita Macario come esempio di "stile semplice e onesto degli uomini apostolici". Verso il 325 accompagnò sant’Elena, madre di Costantino I, a Gerusalemme nella sua ricerca della Vera Croce.  La forza della sua opposizione all'arianesimo è dimostrata dal modo in cui Ario ne parla nella lettera che inviò ad Eusebio di Nicomedia.

Macario prese parte al Concilio di Nicea I (325), nel corso del quale, insieme a Eustazio di Antiochia, potrebbe aver avuto molto a che fare con la stesura del Credo niceno. Nella Storia del Concilio di Nicea attribuita a Gelasio di Cizio ci sono una serie di dispute tra immaginari Padri del Concilio e dei filosofi al soldo di Ario. In una di queste controversie Macario è portavoce per i vescovi che difende la discesa all'inferno. Macario appare il primo tra i vescovi di Palestina che hanno sottoscritto il Concilio di Nicea.

Atanasio, nella sua lettera enciclica ai vescovi di Egitto e Libia, pone il nome di Macario (che era morto da tempo in quel momento) tra quelli dei vescovi famosi per la loro ortodossia. Sozomeno narra che Macario nominò Massimo, che poi gli successe, Vescovo di Lidia, e che la nomina non ebbe effetto perché il popolo di Gerusalemme si rifiutò di separarsi da Massimo.

Secondo Teofane (m. 818) (Cronografia) Costantino, alla fine del Concilio di Nicea, chiese a Macario di cercare i siti della Resurrezione e della Passione e la Vera Croce. Vennero eliminati i ruderi del tempio di Venere, che si erano accumulati sopra il Santo Sepolcro e "quando la superficie originale del terreno apparve immediatamente, al contrario di ogni aspettativa, il monumento sacro della Resurrezione del nostro Salvatore fu scoperto". Nell'apprendere la notizia Costantino scrisse a Macario una lunga lettera per ordinare l'erezione di una sontuosa chiesa sul luogo: si dava avvio così alla prima costruzione cristiana della Basilica del Santo Sepolcro a Gerusalemme.

Nel Martirologio si celebrano:
 

SS. Caio e Alessandro
Ad Apamea presso Meandro in Frigia, ricordo dei SS. Caio e Alessandro, martiri, che patirono gloriosamente durante la persecuzione degli imperatori Marco Antonio e Lucio Vero.

S. Vittore
In Africa, ricordo di S. Vittore, martire, a cui S. Agostino dedicò un sermone nel giorno della sua nascita al cielo.

S. Giovanni Ogilvie
A Glasgow in Scozia, ricordo di S. Giovanni Ogilvie, presbitero della Società di Gesù, martire, il quale, dopo aver trascorso molti anni in esilio per l’Europa, una volta ordinato sacerdote fece ritorno clandestinamente in patria, dove si dedicò col massimo zelo alla cura pastorale dei suoi concittadini, fino a che, sotto re Giacomo I, venne gettato in carcere, torturato e condannato a morte, ricevendo infine sul patibolo la gloriosa palma del martirio.

 I SANTI DEL GIORNO

 
 
 

 

 

 


 

Rai.it

Siti Rai online: 847