RAI VATICANO SPECIALI WEB

REPORTAGE E APPROFONDIMENTI Leggi >>

Dio mio
Il racconto spirituale ed umano di personaggi celebri


L'uomo in bianco
L'UOMO IN BIANCO


25 SETTEMBRE

Il Santo  del Giorno
 

san firmino
SETTEMBRE XXV
 

San Firmino di Amiens (Pamplona, 272 circa – Amiens, 25 settembre 303) spagnolo di origine di origine, fu il primo vescovo di Amiens nel nord della Francia dove fondò la chiesa. Morì nel martirio all’età di 31 anni. Patrono di Amiens, Lesaka e co-patrono di Navarra. Le reliquie sono custodite nella statua che si trova nel duomo di Pamplona ( Spagna ).

Secondo la leggenda nacque a Pompaelo (l'attuale Pamplona), figlio di un senatore pagano di nome Firmo, un alto funzionario romano che governò Pamplona nel III secolo.

L'insegnamento di San Honesto, che era arrivato alla penisola dopo esser stato miracolosamente liberato dalla sua prigione a Carcassone, commosse i genitori che si convertirono al cristianesimo dopo aver sentito le parole di San Saturnino di Tolosa. Il santo avrebbe battezzato Fermin e i suoi genitori nel luogo che oggi si chiama comunemente pocico de San Cernin.

Sotto la tutela di Honesto, il giovane Fermin apprese la religione e l'arte della predica. Ai 18 anni di età fu mandato a Tolosa, dove sarebbe stato ordinato sacerdote. Dopo aver predicato in Navarra, andò in Francia, dove si stabilì ad Amiens.  Avendo organizzato la costruzione della chiesa locale fu nominato vescovo all'età di 24 anni. L'opposizione del potere ufficiale alla dottrina cristiana gli procurò il carcere. Durante la prigionia continuò a predicare il Vangelo, cercando d’incoraggiare gli altri compagni di sventura. Dopo essersi rifiutato di smettere di predicare, fu decapitato.

Nel 1186  il vescovo Pietro di Parigi portò da Amiens a Pamplona una reliquia della testa di Firmino.

Attualmente la sua festa viene celebrata il 7 luglio. A Pamplona, si festeggia l'evento con la famosissima corsa con i tori per le vie del centro della città. Il sacro entra in scena la sera con il vespro solenne in onore di San Firmino nella chiesa di San Lorenzo, ma soprattutto il mattino seguente, che vede l'immagine del Santo sfilare nelle vie del centro storico. Portata a spalla da uomini in parrucca e guanti bianchi, la scultura in legno del XV secolo e rivestita in argento custodisce, nella teca ovale del petto, le reliquie di San Firmino di Amiens. 



 

Nel Martirologio si celebrano anche:
 

SS. Paolo, Tatta, Sabiniano, Massimo, Rufo ed Eugenio
A Damasco in Siria, ricordo dei SS. martiri Paolo, sua moglie Tatta, e i loro figli Sabiniano, Massimo, Rufo ed Eugenio, che, accusati di essere cristiani, resero l'anima a Dio dopo essere stati torturati duramente.


  I SANTI DEL GIORNO

Rai.it

Siti Rai online: 847