RAI VATICANO SPECIALI WEB

REPORTAGE E APPROFONDIMENTI Leggi >>

Dio mio
Il racconto spirituale ed umano di personaggi celebri


L'uomo in bianco
L'UOMO IN BIANCO


22 DICEMBRE

Il Santo  del Giorno
 

 santa francesca saverio cabrini
 
Dicembre XXII

Francesca Saverio Cabrini ( Sant’Angelo Lodigiano, 15 luglio 1850- Chicago, 22 dicembre 1917) è stata una immigrata italiana naturalizzata statunitense, fondatrice della congregazione delle Missionarie del Sacro Cuore di Gesù: è stata la prima cittadina ad essere proclamata santa in USA. Patrona degli emigranti, l suo corpo è sepolto a New York nella “Mother Cabrini High School”.
Nata il 15 luglio 1850 come 'ultima figlia di Agostino Cabrini e Stella Oldini. Diplomata maestra elementare, maturò la vocazione religiosa nel collegio del Sacro Cuore di Arluno e fondò a Codogno, in Lombardià, la congregazione delle Missionarie del Sacro Cuore di Gesù. Aggiunse al proprio nome il cognome Saverio, in onore di San Francesco Saverio, sacerdote missionario nell'Estremo Oriente. Nel 1889 raggiunse gli Stati Uniti per prestare assistenza agli immigrati italiani e convertire le tribù dei pellerossa. Costruì asili, scuole, convitti per studentesse, orfanotrofi, case di riposo per laiche e religiose, ospedali a New York e Chicago. Nel 1909 prese la cittadinanza statunitense.
Per quanto riguarda la religione, Francesca Cabrini era tollerante: era pronta ad accogliere tutte le ragazze che le mandava Dio, anche se erano di un'altra fede, ma si dimostrò intransigente sui principi morali. Era solita ripetere a ricchi e potenti che "Non ci si libera di un essere umano dandolo in balia alle suore per lavarsi la coscienza!".
La Compagnia femminile fondata dalla Cabrini, la congregazione cattolica delle Missionarie del Sacro Cuore di Gesù, fu la prima sia ad affrontare l'impegno missionario (tradizionalmente prerogativa degli uomini), sia ad essere totalmente autonoma, ovvero non dipendente da un parallelo ramo maschile.
Le missionarie fornivano agli immigrati corsi di lingua, assistenza burocratica, corrispondenza con le famiglie di origine, raggiungendo anche i più emarginati sia logisticamente, sia perché infermi, istituzionalizzati o reclusi.
Nel 1890, quando a New Orleans il capo della polizia locale fu assassinato da ignoti, e la colpa ricadde, senza alcuna prova, sui Dagos (cioè gli italiani senza fissa dimora) la Cabrini si recò nella città per gli italiani che erano stati diffamati e oggetto di persecuzioni razziali. Fece sorgere un orfanotrofio e  un ospedale.
Per le sue iniziative è ritenuta uno dei riferimenti del moderno servizio sociale. Vide nei principi della democrazia americana una via di integrazione e di avanzamento sociale per gli emigrati italiani. Promosse l'emancipazione delle capacità di iniziativa femminile. Visse la sua devozione al Sacro Cuore interpretando il concetto di riparazione alle "offese fatte a Gesù" come motivo di impegno nelle opere caritatevoli.
   
Nel Martirologio si celebrano:

SS. Cheremone e compagni; S. Ischirione; SS. Martiri di Via Labicana; SS. Martiri di Rhaitum



 

 

 

 

 

 

 


 I SANTI DEL GIORNO

 
 
 

 

 

 


 

Rai.it

Siti Rai online: 847