RAI VATICANO SPECIALI WEB

REPORTAGE E APPROFONDIMENTI Leggi >>

Dio mio
Il racconto spirituale ed umano di personaggi celebri


L'uomo in bianco
L'UOMO IN BIANCO


29 SETTEMBRE

Il Santo  del Giorno
 

santi arcangeli
SETTEMBRE XXIX
 

Santi Arcangeli

Michele, deriva dall'espressione Mi-Ka-El che significa "chi è come Dio?". L'arcangelo Michele è ricordato per aver difeso la fede in Dio contro le orde di Satana. Michele, comandante delle milizie celesti, dapprima accanto a Lucifero (Satana) nel rappresentare la coppia angelica, si separa poi da Satana e dagli angeli che operano la scissione da Dio, rimanendo invece fedele a Lui, mentre Satana e le sue schiere precipitano negli Inferi.

L'arcangelo Michele è rappresentato in forma di guerriero, infatti porta una spada.

Gabriele (ebraico גַּבְרִיאֵל, Gavriʼel, latino Gabriel, greco Γαβριήλ, ebraico tiberiano Gaḇrîʼēl, arabo جبريل Jibrīl o Jibraeil),nelle religioni abramitiche significa "Potenza di Dio ('El)" o "Dio ('El) è forte".Il nome deriva dall'ebraico e significa: "Potenza di El, oppure El è forte".

È il primo ad apparire nel Libro di Daniele della Bibbia. Veniva anche rappresentato come "la mano sinistra di Dio".

Ha annunciato la nascita di Giovanni Battista e di Gesù, e per i musulmani è stato il tramite attraverso cui Dio rivelò il Corano a Maometto.

Nella tradizione biblica è a volte rappresentato come l'angelo della morte e come angelo del fuoco. Il Talmud lo descrive come l'unico angelo che può parlare siriaco e caldeo. Nell'Islam, Gabriele è uno dei capi Messaggeri di Dio..

Nell'Antico Testamento interpreta la visione profetica del capro e del montone (Daniele 8:15-26) e spiega la predizione delle settanta settimane di anni (490 anni) dell'esilio da Gerusalemme (Daniele 9:21-27);

Nel Nuovo testamento annuncia a Zaccaria la nascita del figlio Giovanni Battista e a Maria di Nazareth la nascita di Gesù Cristo (Luca 1:11-20).

 

Raffaele (in ebraico רפאל, Rafa-El) vuol dire "medicina di El " o "El guarisce" e si contrappone al significato del nome del diavolo Asmodeo: "colui che fa perire".

Nella tradizione biblica, è uno degli angeli che sono alla presenza di Yaweh e ne cantano incessantemente le lodi.  

È l'angelo dell'amore sponsale e della salute. È, nella chiesa cattolica, come in quella ortodossa, il patrono di giovani, fidanzati, sposi, farmacisti, educatori, viandanti e profughi. Nell'iconografia cristiana i suoi simboli sono il pesce e il vaso dei medicamenti.

 

 

Nel Martirologio si celebrano:
 

S. Eutichio
A Perinthus (o Eraclea) in Tracia, ricordo di S. Eutichio, vescovo e martire.

SS. Ripsime, Gaiana e compagne
A Valeroctista in Armenia, ricordo delle SS. Ripsime, Gaiana e compagne, martiri.

SS. Martiri di Nagasaki
A Nagasaki in Giappone, passione dei SS. Michele di Aozaraza, Guglielmo Courtet, Vincenzo Shiwozuka, presbiteri dell'Ordine dei Frati Predicatori, Lazzaro di Kyoto e Lorenzo Ruiz di Manila, padri di famiglia, martiri, che, incarcerati per più di un anno, perché cristiani, subirono il supplizio della crocifissione, quindi furono decapitati. La loro memoria si celebra il giorno precedente, insieme con gli altri loro compagni.

S. Renato Goupil
Ad Ossernon in Canada, passione di S. Renato Goupil, martire, che, medico e collaboratore di S. Isacco Jogues, fu ucciso da un indigeno con un colpo d'ascia.

 


  I SANTI DEL GIORNO

Rai.it

Siti Rai online: 847