RAI VATICANO SPECIALI WEB

REPORTAGE E APPROFONDIMENTI Leggi >>

Dio mio
Il racconto spirituale ed umano di personaggi celebri


L'uomo in bianco
L'UOMO IN BIANCO


10 AGOSTO

Il Santo  del Giorno
 

san lorenzo
AGOSTO X
 

Lorenzo (latino: Laurentius; Huesca, 225- Roma, 10 agosto 258) è stato uno dei sette diaconi di Roma, dove venne martirizzato nel 258 durante la persecuzione voluta dall' imperatore Valeriano nel 257.  Alcune reliquie sono conservate nell’urna in San Lorenzo in Lucina a Roma.

Le notizie sulla vita di san Lorenzo, che pure in passato ha goduto di una devozione popolare notevole, sono scarse. Si sa che era originario della Spagna e più precisamente di Osca, in Aragona, alle falde dei Pirenei.

Ancora giovane, fu inviato a Saragozza per completare gli studi umanistici e teologici; fu qui che conobbe il futuro papa Sisto II. Questi insegnava in quello che era, all'epoca, uno dei più noti centri di studi della città e, tra quei maestri, il futuro papa era uno dei più conosciuti ed apprezzati. Tra maestro e allievo iniziarono quindi un'amicizia e una stima reciproche. In seguito entrambi, seguendo un flusso migratorio allora molto vivace, lasciarono la Spagna per trasferirsi a Roma.

Quando il 30 agosto 257 Sisto fu eletto vescovo di Roma, affidò a Lorenzo il compito di arcidiacono, cioè di responsabile delle attività caritative nella diocesi di Roma, di cui beneficiavano 1500 persone fra poveri e vedove. L’imperatore Valeriano aveva emesso un editto secondo il quale tutti i vescovi, i presbiteri e i diaconi dovevano essere messi a morte. L'editto fu eseguito immediatamente a Roma, al tempo in cui Daciano era prefetto dell’ Urbe. Sorpreso mentre insieme a papa Sisto celebravano l’ Eucarestia nelle catacombe di Pretestato, venne sottoposto al crudele martirio, morendo bruciato vivo sulla graticola il 10 agosto del 258, all’età di 33 anni.

A partire dal IV secolo Lorenzo è stato uno dei martiri più venerati nella Chiesa di Roma. Costantino I fu il primo ad edificare un piccolo oratorio nel luogo del suo martirio. Tale costruzione fu ampliata e abbellita da Pelagio II. Sisto III costruì una grande basilica con tre navate,  sulla sommità della collina dove Lorenzo fu seppellito. Nel XIII secolo Onorio III unificò i due edifici, che costituiscono la basilica che esiste tutt'oggi.

Si racconta secondo la tradizione che un soldato romano che assistette al supplizio – mediante graticola posta su carboni ardenti – raccolse con uno straccio gocce di sangue e grasso mentre il martire spirava, portandole al paese di Amaseno (FR) dove la reliquia è tuttora custodita e ogni 10 di agosto avviene il miracolo della liquefazione del Sangue di S. Lorenzo (molto simile al sangue di San Gennaro).

Per coincidenza viene ricordato e festeggiato dalla Chiesa cattolica proprio nel periodo in cui lo sciame dei meteoriti Perseidi si avvicina alla terra ed entrando nell’atmosfera genera il fenomeno delle stelle cadenti. Da tale fenomeno sono nate molte leggende.  

 

Nel Martirologio si celebrano anche:

SS. martiri alessandrini
Memoria dei SS. martiri che, ad Alessandria d'Egitto, durante la persecuzione dell'imperatore Valeriano, conseguirono la corona del martirio sotto il prefetto Emiliano, dopo avere sopportato a lungo svariati e raffinati generi di torture.

 

  I SANTI DEL GIORNO

Rai.it

Siti Rai online: 847