RAI VATICANO SPECIALI WEB

REPORTAGE E APPROFONDIMENTI Leggi >>

Dio mio
Il racconto spirituale ed umano di personaggi celebri


L'uomo in bianco
L'UOMO IN BIANCO


9 MARZO

Il Santo  del Giorno
 

 santa francesca romana
 MARZO IX

Francesca Ponziani, nota come Francesca Romana (Roma, 1384- Roma, 9 marzo 1440) è stata una religiosa italiana, fondatrice della comunità delle Oblate di Tor de’ Specchi. Fu canonizzata nel 1608 da papa Paolo V Borghese, è considerata patrona dei motoristi
Nacque dalla nobile famiglia Bussa de' Leoni a Roma dove visse per tutta la vita in un palazzo nei pressi di Trastevere. Andò dodicenne in sposa, per volere della sua famiglia, al nobile Lorenzo de' Ponziani che si diceva fosse imparentato con Papa Bonifacio IX. Ebbe tre figli: gli ultimi due, Giovanni Evangelista e Agnese, morirono di peste ancora giovani.
Nel 1425, con nove compagne, si offrì come oblata della Vergine nella basilica di S. Maria Nova al Foro. Per otto anni le Oblate continuarono a vivere nelle proprie famiglie, sino al 1433, quando, acquistata una casa nel rione Campitelli, ai piedi del Campidoglio, cominciarono a condurvi vita comune. Francesca le raggiunse tre anni dopo, alla morte del marito Lorenzo, e assunse la guida della congregazione. Il monastero, dove si costituì l'ordine delle Oblate di Santa Francesca Romana, è ancora esistente e attivo in via del Teatro di Marcello.
Morì il 9 marzo 1440 a Roma, accudita dalle consorelle. Di lei rimangono i vestiti e un dito esposti al monastero di Tor de' Specchi. La salma è venerata nella basilica di S. Maria Nova al Palatino, officiata dai monaci benedettini olivetani, che le venne reintitolata nel '600, dopo la canonizzazione.
Alla vita della santa s'ispira Il trionfo della castità ovvero Oratorio per S. Francesca Romana, musica di Antonio Caldara, eseguito la prima volta a Roma nel 1710.

 
 

Nel Martirologio si celebrano:
 

SS. martiri di Sebaste
A Sebaste in Armenia, passione dei quaranta SS., legionari cappadoci, che, compagni non di guerra ma di fede e obbedienza alla volontà del Padre celeste, al tempo dell’imperatore Licinio furono imprigionati e a lungo torturati, quindi costretti, in un inverno rigidissimo, a pernottare nudi su uno stagno ghiacciato, ed infine, con le gambe spezzate, portarono a compimento il loro martirio.

S. Bruno di Querfurt
Nella Moravia orientale, ricordo di S. Bruno, vescovo di Querfurt e martire, il quale, mentre si trovava in Italia al seguito dell’imperatore Ottone III, commosso dall’autorità di S. Romualdo, decise di dedicarsi alla vita monastica: ricevuto il nome di Bonifacio ritornò in Germania e nominato in seguito vescovo da papa Giovanni X; fu assassinato dagli idolatri durante un viaggio apostolico, assieme a diciotto compagni.

SS. Pietro Ch’oe Hyong e Giovanni Battista Chon Chang-un
Nel villaggio di Nei-Ko-Ri in Corea, ricordo dei SS. Pietro Ch’oe Hyong e Giovanni Battista Chon Chang-un, martiri, che, padri di famiglia, amministrarono battesimi e stamparono libri di argomento cristiano: per questo furono sottoposti a terribili torture e al martirio, a cui si sottoposero però con fede intrepida ed irremovibile, suscitando perfino l’ammirazione dei loro persecutori. 

 

 I SANTI DEL GIORNO

 
 
 

 

 

 


 

Rai.it

Siti Rai online: 847