RAI VATICANO SPECIALI WEB

REPORTAGE E APPROFONDIMENTI Leggi >>

Dio mio
Il racconto spirituale ed umano di personaggi celebri


L'uomo in bianco
L'UOMO IN BIANCO


2 DICEMBRE

Il Santo  del Giorno
 

 santa Bibibiana
 
Dicembre II

Bibiana, detta anche Viviana (Roma, 347- Roma 361) secondo la tradizione è stata una giovane romana che subì un terribile martirio per la fede cristiana sotto l’impero di Flavio Claudio Giuliano. Papa Simplicio (468-483) consacrò una basilica dedicata alla santa martire Bibiana, che contiene il suo corpo, nelle vicinanze del Palatium Lucianum sull’Esquilino a Roma.
Bibiana sarebbe nata a Roma nel 347 da Flaviano, un cavaliere romano e prefetto di Roma sotto gli imperatori Costantino e Costanzo (350-361), e da Dafrosa, una discendente di una famiglia consolare.
Quando salì al trono l'imperatore Giuliano ripristinò le crudeli  persecuzioni contro i cristiani e Flaviano fu costretto ad abbandonare la sua carica di prefetto, passandola nelle mani di un suo acerrimo rivale e acceso sostenitore del paganesimo, un tale Aproniano. Sorpreso mentre seppelliva i corpi di alcuni martiri, il padre della santa venne bollato come uno schiavo, mandato in esilio nei pressi di Montefiascone dove venne martirizzato. La sorella e la madre subirono poco dopo lo stesso destino mentre la giovane Viviana venne, per il momento, risparmiata.
Aproniano la fece affiancare ad una turpe mezzana di nome Rufina, esperta di intrighi amorosi e di seduzioni del piacere. Nemmeno la paura di una vita da prostituta ebbe effetto sulla giovanissima santa, la quale, fedele alle sue virtù, proclamò nuovamente la sua fede. Il prefetto decise allora di destinarla al martirio come i suoi parenti: legata ad una colonna e flagellata in pubblico senza pietà con le «piombate», ovvero con fasci di verghe e pallini di piombo. La poveretta spirò quattro giorni dopo, secondo la tradizione, a quindici anni.
Il corpo, sempre secondo la leggenda, venne lasciato esposto ai cani randagi che, però, lo lasciarono perfettamente illeso. Le spoglie vennero poi raccolte dal presbiterio Giovanni, che le collocò nel palazzo del padre, allora affidato ad Olimpia (o Olimpina) una matrona romana parente di Flaviano.




Nel Martirologio si celebrano:

S. Bibiana; S. Pimenio; S. Silverio papa

 

 

 

 

 


 I SANTI DEL GIORNO

 
 
 

 

 

 


 

Rai.it

Siti Rai online: 847