RAI VATICANO SPECIALI WEB

REPORTAGE E APPROFONDIMENTI Leggi >>

Dio mio
Il racconto spirituale ed umano di personaggi celebri


L'uomo in bianco
L'UOMO IN BIANCO


1° MARZO

Il Santo  del Giorno
 

 San Felice III papa
 
Marzo I

Felice III, della gens Anicia ( Roma, …-Roma, 1° marzo 492) è stato il 48° Vescovo di Roma e Papa della Chiesa Cattolica. S’impegno per l’unità della Chiesa e la lotta alle eresie. 

Felice nacque da una famiglia senatoriale romana e figlio di un ecclesiastico, in alcuni testi è scritto che, prima di accedere agli ordini sacri, sia stato sposato ed abbia avuto un figlio, Gordiano, padre a sua volta del futuro papa Agapito I e di Palatino, a sua volta padre di un secondo Gordiano e nonno di papa Gregorio I.

L'elezione del papa avveniva di prassi con la scelta fatta dal popolo di Roma e la ratifica imperiale ma, non essendoci più l'imperatore d'Occidente, fu Odoacre a  rivendicare tale diritto. Nessuno si oppose al presunto decreto e dalle consultazioni uscì eletto Felice, che fu consacrato il 13 marzo 483.

In quel periodo la Chiesa era ancora nel mezzo del suo lungo conflitto con l’eresia di Eutiche la Chiesa orientale era divisa in tre o quattro fazioni. Nel suo primo sinodo Felice scomunicò Pietro Fullo, che fu condannato anche da Acacio in un sinodo di Costantinopoli. Nel 484 Felice scomunicò anche Pietro Mongo, un atto che fece sorgere uno scisma fra Oriente ed Occidente e che non fu ricomposto per i successivi 35 anni. Pietro Mongo, tuttavia, s'ingraziò l'imperatore ed Acacio sottoscrivendo l'Henotikon per essere riammesso in piena comunione.

Felice, dopo aver convocato un nuovo sinodo, spedì dei legati pontifici alla corte dell’imperatore e dal patriarca Acacio, ingiungendo che Pietro Mongo dovesse essere espulso da Alessandria e che Acacio avrebbe dovuto presentarsi a Roma per spiegare la propria condotta. I legati furono però arrestati, imprigionati e poi, sotto la pressione di minacce e promesse, entrarono in comunione con gli eretici. Quando il loro tradimento fu reso noto a Roma il Papa scomunicò il patriarca Acacio ed i legati pontifici. Lo scisma, noto come scisma acaciano, terminò solo nel 518, con Giustiniano I.

Felice combattè anche l’eresia ariana. In Africa, i Vandali avevano perseguitato la Chiesa per più di 50 anni ed avevano costretto molti cattolici all'esilio. Quando la pace fu ristabilita, molti di quelli che per paura erano caduti nell'eresia ed erano stati ribattezzati ariani, desiderarono ritornare alla Chiesa. Poiché venivano respinti da coloro che erano rimasti fedeli, fecero appello a Felice, che convocò un sinodo lateranense nel 487 e spedì una lettera ai vescovi d'Africa in cui esponeva le condizioni alle quali costoro avrebbero potuto essere riammessi in seno alla Chiesa.

Felice morì nel 492 e fu sepolto nella tomba di famiglia nella basilica di san Paolo Fuori le Mura.

  

Nel Martirologio si celebrano:

 

S. Leone
In Guascogna, ricordo di S. Leone, vescovo e martire.

S. Agnese Cao Kuiying
Nella città di Xilinxian, nella provincia di Guangxi in Cina, ricordo di S. Agnese Cao Kuiying, martire, che, già sposata con un uomo violento, dopo la morte di questi si dedicò su incarico del vescovo all’insegnamento della dottrina cristiana, e per questo, dopo essere stata gettata in carcere ed aver sopportato spaventosi tormenti, confidando sempre in Dio, si recò quindi all’eterno convito.

 

 

 

 


 I SANTI DEL GIORNO

 
 
 

 

 

 


 

Rai.it

Siti Rai online: 847