RAI VATICANO SPECIALI WEB

REPORTAGE E APPROFONDIMENTI Leggi >>

Dio mio
Il racconto spirituale ed umano di personaggi celebri


L'uomo in bianco
L'UOMO IN BIANCO


16 APRILE

Il Santo  del Giorno
 

santa bernadette
APRILE XVI

Marie-Bernarde Soubirous detta Bernadette ( Lourdes, 7 gennaio 1844-Nevers, 16 aprile 1879) è stata una religiosa e mistica francese, canonizzata dalla Chiesa cattolica.

È conosciuta per le apparizioni mariane alle quali riferì di aver assistito in una grotta del suo paese natale ( grotta di Massabielle ). Tali visioni riguardano una "signora vestita di bianco", divenuta nota poi come Nostra Signora di Lourdes, cui l'allora quattordicenne Bernadette avrebbe assistito. Gli accadimenti di cui fu protagonista la giovane Bernadette hanno reso Loudes uno dei principali luoghi di pellegrinaggio per chi professa la fede cattolica.

I suoi genitori, François Soubirous e Louise Castérot, gestivano il mulino di Boly, dove ella nacque il 7 gennaio del 1844. La crisi che colpì la Francia agricola si abbatté anche sulla sua famiglia, che visse in estrema povertà. Bernadette conobbe la fame e la malattia. Di salute fragile, a causa dell'asma sopraggiunto per le continue inalazioni dell'aria malsana dell'abitazione, Bernadette dimostrava meno anni di quelli che aveva Per contribuire al mantenimento della famiglia Bernadette fu affidata a una famiglia di amici presso Bartrès, impiegata nella sorveglianza e pascolo delle greggi e come cameriera presso la loro taverna.

Secondo quanto riferito dalla stessa Bernadette, l’11 febbraio 1858, la quattordicenne ha avuto la prima visione, mentre assieme a una sorella e a un'amica raccoglieva legna da ardere in un boschetto vicino alla grotta di Massabielle (poco fuori Lourdes). Bernadette affermò che la "bellissima signora" le aveva chiesto di tornare alla grotta ogni giorno per quindici giorni e riferì anche che la signora vestiva un velo bianco, una cinta blu e una rosa dorata su ogni piede e teneva nelle mani un Rosario.

La prima visione e le successive diciassette analoghe sono state accettate, dopo attente analisi e raccolta di testimonianze dirette, come eventi miracolosi dalla Chiesa cattolica che le riconosce come manifestazioni della Beata Vergine Maria.

Le sono stati attribuiti alcuni miracoli come quello di aver scoperto una fonte di acqua curativa nel luogo delle apparizioni. Dal giorno in cui Bernadette aveva portato alla luce la sorgente, 69 guarigioni tra quelle verificate dall'Ufficio Medico di Lourdes e classificate come "inspiegabili", sono state riconosciute miracolose dalla Chiesa cattolica. La commissione di Lourdes che esaminò Bernadette dopo le visioni, eseguì anche un'analisi accurata dell'acqua, trovando soltanto un alto contenuto di minerali e null'altro di straordinario che potesse spiegare le guarigioni. Bernadette stessa disse che la fede e le preghiere avevano curato i malati.

Si ritirò poi presso il convento delle Suore della Carità di Nevers all'età di 22 anni. Trascorse lì gli ultimi anni della sua breve esistenza, lavorando come assistente nell'infermeria e poi come sacrestana, creando inoltre ricami per abiti d'altare e vesti, prima di morire di tubercolosi ossea. Morì all'età di 35 anni, il 16 aprile 1879.


Nel  Martirologio  si celebrano:

SS. Leonide e sette compagni
A Corinto in Grecia, ricordo dei SS. martiri Leonide e sette compagni, che furono tutti annegati in mare, dopo aver sopportato innumerevoli supplizi. 

SS. Martiri di Saragozza
A Saragozza in Spagna, ricordo dei SS. Ottato e diciassette compagni, martiri, che furono torturati e trucidati insieme durante la persecuzione di Diocleziano; il loro nobile martirio è stato cantato dal poeta Prudenzio. 

S. Engrazia
Sempre a Saragozza, in Spagna, ricordo di Santa Engrazia, vergine e martire, che patì ogni genere di spaventoso tormento, portando a lungo nel corpo le tracce dei supplizi subiti, prima di coronare il suo martirio.  

SS. Caio e Crescenzio
Ancora a Saragozza, ricordo dei SS. Caio e Crescenzio, che durante la stessa persecuzione patirono molti tormenti, perseverando nella fede di Cristo. 

S. Magno delle Orcadi
In Scozia, ricordo di S. Magno, martire, che, sovrano delle Isole Orcadi, si convertì al cristianesimo; fu scacciato dal re di Norvegia per le sue proteste contro l’arroganza della sua stessa gente, e quindi trucidato con un inganno malvagio, quando si era recato disarmato a firmare la pace col nemico che gli contendeva il principato. 

  I SANTI DEL GIORNO

Rai.it

Siti Rai online: 847