21/05/2024

Notizie TGR:

"UNA RETE VELOCE PER IMPRESE COMPETITIVE SUI MERCATI"

Intervista a Rossella Lehnus, consigliere Reti e Innovazione della Segreteria tecnica del Ministero dello Sviluppo Economico. "Dopo la banda larga, la banda ultralarga"

Digital divide nelle Regioni italiane

“Un’azienda che non ha la possibilità di connettersi almeno alla banda larga di base è esclusa dalla competizione nazionale e internazionale perché tutti i processi produttivi vengono rallentati”. Rossella Lehnus, consigliere Reti e Innovazione della Segreteria tecnica del Mise, riassume così gli effetti del digital divide sul tessuto produttivo. Senza una connettività adeguata, il tessuto economico locale è pesantemente penalizzato. Anche per questo è stato varato il Piano Nazionale Banda Larga.

Il Piano è operativo da alcuni anni. Che risultati sono stati ottenuti finora?
Nel 2008 il 12% dei cittadini, cioè oltre 8,5 milioni di persone, non disponeva della banda larga di base. Nel dicembre 2012 siamo scesi al 4,4%, quindi abbiamo già ridotto drasticamente il digital divide. Entro 12 mesi riusciremo ad arrivare a zero: abbiamo tutti i finanziamenti necessari.

Quanti sono gli investimenti complessivamente messi a disposizione?
L'ammontare investito è di circa un miliardo: 430 milioni nazionali e oltre 550 milioni dai fondi europei Fesr e Feasr. Si tratta anche di un messaggio importante per il settore delle Tlc, che è in crisi. Questo piano permette di occupare oltre 1800 persone.

Come stanno procedendo i lavori?
Il quinto intervento attuativo del Piano Nazionale Banda Larga è già stato avviato: i cantieri sono aperti. Al Piano collaborano tutte le Regioni. Stiamo portando la fibra ottica nelle dorsali. Poi si farà la rete di accesso, che sarà realizzata con tecnologie fisse e mobili. Nel giro di 12 mesi tutta l’Italia avrà la connessione a 2 Mbit/secondo. Ovviamente molti l’avranno anche prima.

Quali sono le zone dove si riscontrano le maggiori difficoltà?
Dipende dalle caratteristiche del territorio e dalla concentrazione della popolazione. Ad esempio, il Piemonte ha un digital divide del 7,4% ed è il più oneroso d’Italia: eliminarlo costa oltre 90 milioni di euro. L’Umbria ha la stessa percentuale di digital divide ma il suo costo di azzeramento è di 10 milioni di euro.

Ci sono differenze tra Nord e Sud del Paese?
No, anzi. Le amministrazioni del Centro-Sud hanno aderito pienamente al progetto e sono state lungimiranti, perché stanno già pensando alla banda ultralarga per riuscire a ridurre da subito il gap che il mercato va naturalmente a creare. Il Molise aveva un digital divide di oltre il 35%, tra i più pesanti del Paese e forse d’Europa. È riuscito già a passare al 20%, sarà tra i primi ad azzerarlo e sicuramente sarà il primo a iniziare con la banda ultralarga, perché ha già stanziato 4 milioni di euro.

Ora che si sta chiudendo il capitolo banda larga di base, l’asticella immediatamente si alza. Entro il 2020 bisognerà portare connessioni a 30 Mbit/secondo a tutti e a 100 Mbit/secondo al 50% della popolazione…
Sul modello del Piano Nazionale Banda Larga, per la banda ultralarga abbiamo approntato un unico regime di aiuto nazionale che è già stato approvato dalla Commissione Europea. I costi sono molto elevati. A livello europeo  serviranno circa 270 miliardi di euro. Per le aree italiane a fallimento di mercato, il piano ammette investimenti pubblici fino a 15 miliardi di euro, che ancora non hanno copertura.

Quali saranno i primi passi?
Interverremo prima al Sud: Basilicata, Calabria, Campania, Molise e Sicilia sono state le prime Regioni ad aderire, finanziando gli interventi con 520 milioni di euro provenienti da fondi Pac dell’Unione Europea. In questo modo, entro il 2015 il 30% della popolazione di queste aree avrà la banda ultralarga. È un passo ambizioso per il nostro Paese, ma è anche un segnale per il mercato delle telecomunicazioni e per tutte le imprese di quelle aree, che vedono nella Rete l’autostrada per competere a livello nazionale e soprattutto internazionale.

Andrea Bettini

Tgr
  • CAMPAGNA TGR

  • ITALIA DELLA LEGALITA'

    Una settimana dedicata alla legalità: l’intera Tgr, regione per regione, è stata impegnata in servizi, inchieste, dirette, approfondimenti. La campagna di informazione si è conclusa con una edizione speciale del Settimanale, in onda a diffusione nazionale.
       
    GUARDA I SERVIZI

    GUARDA IL SETTIMANALE

  • BUONGIORNO ITALIA

  • Tanti piemontesi in fila davanti alla camera ardente delle vittime dell'attentato di Tunisi. Nel primo pomeriggio i funerali a Torino e Novara. Stanno intanto rientrando i feriti: tra questi una torinese, salva perché è rimasta 2 ore nascosta sotto i cadaveri dei compagni di viaggio.

    La maggioranza della Pirelli passa ai cinesi della ChemChina che presto lanceranno un'opa totalitaria a 15 euro per azione al termine della quale il titolo verrà ritirato da Piazza Affari. Il completamento dell'assetto avverrà entro l'estate.

    Un ragazzo di quindici anni è morto a Monza, la madre è in coma. La colpa di un automobilista, alla guida di un suv grigio, che non ha rispettato la precedenza provocando un incidente con 5 auto coinvolte. Poi ha proseguito la corsa senza fermarsi; i vigili urbani lo stanno cercando.

    Roma e Lazio ancora ad un punto di distanza, che significa accesso o meno alla Champions. La Sampdoria vince ancora battendo l'Inter e sorpassa così il Napoli, bloccato su un pareggio dall'Atalanta. Pareggio anche tra Fiorentina e Udinese (2-2), mentre il Torino supera con 2 gol il Parma.

    GUARDA LA PUNTATA
  • TGR SCIENZE

  • IL TELEGIORNALE SCIENTIFICO DELLA TGR, IN ONDA DAL LUNEDI' AL VENERDI' ALLE 14.50. IN OGNI PUNTATA UN VIAGGIO NEL MONDO DELLA SCIENZA 


    ARCHIVIO VIDEO
  • Economia e finanza

  • TELEGIORNALE ECONOMICO 
    DAL LUNEDI' AL VENERDI' ORE 15.05

    ARCHIVIO VIDEO
  • ARCHIVIO TGR WEB

  • L'archivio degli approfondimenti di attualità curati dal sito internet della Tgr Rai

    inchieste

    GUARDA LE INCHIESTE DEL TGR WEB

    fotogallery

    GUARDA LE PHOTOGALLERY

  • BELLITALIA

  • SABATO DALLE ORE 11.00 ALLE ORE 11.30

  • PRODOTTO ITALIA

  • SABATO DALLE ORE 11.30 ALLE ORE 12.00

  • DIRETTA STREAMING

  • AMBIENTE ITALIA

    SABATO DALLE ORE 12.55 ALLE ORE 13.50

  • PREMIO LA GIARA

  • VITE A PERDERE

  • STORIE DI FEMMINICIDI

    Vite interrotte per la violenza di un compagno, un conoscente, uno sfruttatore. La rubrica "Vite a perdere", curata da Alvaro Fiorucci per il Tgr Umbria, ripercorre i più eclatanti casi di femminicidio nella regione del Centro Italia.

    GUARDA I SERVIZI
  • SPORTELLO SALUTE

  • Sportello Salute, a cura di Paola Aristodemo, è una rubrica di servizio sulla sanità regionale del Lazio. Per proporre argomenti e aprire un dialogo con la redazione, gli utenti possono scrivere all'indirizzo di posta elettronica sportellosalute@rai.it .

    GUARDA I SERVIZI
  • SBARRE

  • Palermo, Bari, Catania, Roma, Milano: in ciascuno dei più importanti centri abitati d’Italia esistono quartieri difficili, quelli che una volta si chiamavano sobborghi. Porzioni di città in cui vigono norme molto diverse da quelle che regolano la vita civile: dominano criminalità, violenza, furti, droga, degrado e solitudine. Un viaggio di Angela Trentini attraverso i quartieri difficili, e poi fin dentro le carceri che finiscono per ospitare molti degli abitanti di quegli stessi quartieri.

    GUARDA IL VIDEO
  • DITELO AL TGR

  • È lo spazio che accoglie le vostre video segnalazioni, le vostre video denunce, le immagini che raccontano i disservizi nel vostro comune, ciò che non funziona o funziona male nella realtà che vi circonda. Fate click sulla pagina della vostra regione, cercate Buongiorno Regione, troverete i servizi del telegiornale regionale che approfondiranno le vostre denunce e tenteranno di rispondere alle vostre domande.

  • GUARDA I VIDEO DELLA TUA REGIONE