Rai per la Sostenibilità

Rai.it


Campagne sociali

  • Protocollo d'intesa "No Women No Panel" Rai e Regione Puglia

    MEMORANDUM D'INTESA

    Anno : 2022

    Associazione :
    No Women No Panel




Siglato il Protocollo di intesa “No Women No Panel” tra RAI e Regione Puglia, pilota del progetto per l’equilibrio di genere nella comunicazione pubblica

 

 

Mai più convegni, conferenze e dibattiti senza le donne: con la firma del Protocollo attuativo del Memorandum No Women No Panel promosso dalla Rai, la Puglia diviene Regione Pilota nel sostenere l’equilibrio fra i sessi nella comunicazione pubblica. Oggi nella Sala Di Jeso, sede della Presidenza della Giunta regionale, il Presidente Michele Emiliano e la Presidente Rai Marinella Soldi hanno siglato l’intesa che prevede il monitoraggio dei panel organizzati dalla Regione Puglia, e in cui entrambi i sessi siano rappresentati in misura quanto più possibile paritaria. Un impegno che si inserisce nel quadro dell’Agenda di Genere adottata dalla Giunta regionale e la cui attuazione è coordinata dalla Consigliera Titti De Simone.


“L’unico modo per vincere le battaglie di principio – ha detto il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano - è immaginare regole che addrizzino il legno storto, come la legge regionale sulla doppia preferenza”. “Laddove c’è un processo selettivo, infatti – ha evidenziato - le donne non hanno problemi, mentre è dove prevalgono meccanismi di potere che le donne vengono emarginate”. E ha assicurato l’impegno dell’amministrazione pugliese in questa battaglia di civiltà “al fianco del servizio pubblico e di una presidente così coraggiosa, una collaborazione di cui siamo onorati” ha dichiarato rivolgendosi alla Presidente Rai Marinella Soldi.


“Sono emozionata nel vedere il frutto del lavoro di tante persone realizzato” - ha affermato la Presidente Soldi - perché è importante metterci impegno ma anche la faccia, non nascondersi dietro a teorie sociologiche, al politically correct: dobbiamo far accadere le cose, come sta facendo la Regione Puglia, sul territorio”. E auspicando che, con la firma odierna, scatti una “competizione virtuosa” fra le altre regioni per aderire al progetto, ha sottolineato la necessità di fare rete per incidere più profondamente: “Il territorio è il luogo ideale per mostrare, tramite azioni concrete, che la discriminazione verso le donne non ha più spazio nel nostro Paese. Con modalità e funzioni diverse noi -Rai- e voi -istituzioni territoriali- siamo comunque tutti servizi pubblici, creati dai cittadini per i cittadini”.

E ricordando che la Sostenibilità, nelle sue declinazioni ambientale, sociale e di responsabilità d’impresa, è oggi al centro delle strategie della Rai, in linea il Contratto di Servizio, ha concluso: “Vogliamo contribuire a realizzare uno sviluppo sostenibile, di cui la parità di genere è un pilastro fondamentale”.

“Sustainable Me” è anche il titolo del prossimo Prix Italia, che proprio in Puglia, a Bari, avrà luogo dal 3 all’8 ottobre 2022.

 

 

All. A

 

 

 

SCHEMA DI PROTOCOLLO D’INTESA

 

 tra

 

 

Regione Puglia (a firma del Presidente) e

RAI Radiotelevisione italiana S.p.A. (“Rai”)

 

(Regione Puglia e Rai di seguito, congiuntamente, "Parti")


LE PARTI

PREMESSO CHE


 

•         Con la legge regionale n. 7 deII’8 marzo 2007 “Norme per Ie politiche di genere e i servizi per la conciliazione vita — lavoro in Puglia” la Regione Puglia ha individuato nella paritâ di genere un obiettivo di perequazione economica e sociale in grado di produrre effetti positivi e circolari non solo sulla vita delle donne e uomini di Puglia ma per la comunitâ net suo complesso. In particolare, I’art. 2 lett k) della predetta Legge dispone espressamente che la Regione persegue, tra Ie altre, la finalitâ di “promuovere ricerche, studi e la raccolta sistematica di documentazione e di dati statistici disaggregati per genere sulla condizione femminile, sulle discriminazioni, con particolare riguardo ai fenomeni di discriminazione multipla, nonché sui fenomeni di violenza contro Ie donne, garantendone la divulgazione”;

 

  • con la DGR 15 settembre 2021, n. 1466 la Giunta regionale ha approvato la Strategia regionale per la paritâ di genere, denominata "Agenda di Genere"; un documento di visione strategica che, muovendo dalle strategie internazionali e nazionali sulla paritâ di genere, si integra con la Strategia regionale di sviluppo sostenibile come richiamato dalla DGR n.687 del 26 aprile 2021. In particolare, ie 5 macroaree di intervento individuate per la definizione delI’A9endo sono:
    • qualitâ della vita delle donne e degli uomini;
    • istruzione formazione e lavoro;
      • competitivitâ, sostenibilitâ e innovazione;
      • per un lavoro di qualitâ;
        • contrasto alle discriminazioni e alla violenza di genere.

In riferimento a quest’ultima, quale azione trasversale, \’Agenda di Genere contempla la piena funzionalitâ deII’Osservatorio della Comunicazione di Genere al fine di incidere sulla destrutturazione degli stereotipi attraverso il monitoraggio costante della comunicazione, pubblicitâ, informazione;

 

  • con la DGR del 07 marzo 2022, n. 302 la Giunta regionale ha approvato la procedura “Valutazione di lmpatto di Genere. Sistema di gestione e di monitoraggio” che prevede I’introduzione della Valutazione di lmpatto di Genere -VIG - delle politiche pubbliche e delle misure finanziate dagli specifici programmi operativi in riferimento agli atti di programmazione di giunta e agli awisi recependo i gap enucleati dal Gender Index Regionale sulla base del modello Eige (Focus n. 8 del 2021, Ufficio statistico);

 

  • con la DGR del 15 giugno 2022 n. 844 la Giunta regionale ha approvato il Bilancio sociale e di genere della Regione Puglia relativo aII’anno 2020;

 

  • Rai, societâ concessionaria del servizio pubblico radiofonico, televisivo e multimediale ai sensi degli artt. 59 e 63 del d.Igs. 8 novembre 2021, n. 208 (TUSMA) e del D.P.C.M. del 28 aprile 2017, nelI’ambito della propria mission istituzionale, ai sensi del vigente Contratto Nazionale di servizio Rai-MlSE 2018-2022 (CNS), persegue, tra gli altri, I’obiettivo di “superare gli stereotipi di genere, at fine di promuovere la paritâ e di rispettare I’immagine e la dignitâ della donna anche secondo il principio di non discriminazione” (cfr. CNS, art. 2, co. 3, lett. g));

•         Rai ha approvato il “Bilancio di Sostenibilitâ Gruppo Rai 2021” (Dichiarazione consolidata di carattere non finanziario redatta ai sensi del D. Lgs 254/16) nel quale, inter alia, sono evidenziate Ie azioni poste in essere da Rai e dalle societâ del Gruppo sul tema della paritâ di genere, che costituisce uno degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (“Raggiungere I uguaglian2a di genere, per emancipare tutte Ie donne e ie ragazze”) individuato dalI’Agenda 2030 sottoscritta in occasione del Summit delle Nazioni Unite tenutosi a New York net settembre 2015;

 

  • In data 18 gennaio 2022 é stato siglato il Memorandum of Understanding “No Women No Panel — Senza Donne Non Se Ne Parla” (di seguito anche solo “MoU”) tra Rai (“Soggetto Promotore”), la Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dipartimento Pari Opportunitâ), il Consiglio Nazionale deII’Economia e del Lavoro, la Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, l’Unione delle Province Italiane, l’Associazione Nazionale Comuni Italiani, la Conferenza dei Rettori delle Universitâ  Italiane, il Consiglio Nazionale  delle Ricerche, I’ Accademia  Nazionale dei Lincei, la Rappresentanza in   Italia    della   Commissione     Europea   e   l’Unione    per    il Mediterraneo (complessivamente, insieme a Rai, “Primi Firmatari”). II MoU é pubblicato sul sito Rai per il Sociale (https://www.rai.it/dl/sociale/website/Contentltem-515b9ef4-4b31-416b-880e-  230e6f8e5fe0.html);
    • il MoU é finalizzato a promuovere negli eventi di comunicazione la partecipazione equilibrata e plurale di donne e uomini, garantendo l’allestimento di panel in cui entrambi i sessi siano rappresentati in misura quanto piu possibile paritaria. A tal fine, é prevista la realizzazione delle azioni di seguito riportate:
      • promuovere e svolgere attivitâ di informazione e comunicazione coerente con i principi e Ie finalitâ del MoU;
        • adottare politiche di comunicazione attente alla paritâ tra i sessi, a valorizzare e a condividere tra loro buone pratiche ed esperienze maturate e sviluppate nel proprio ambito professionale
          • collaborare per la raccolta di dati sulla partecipazione agli eventi di comunicazione organizzati, con I’indicazione distinta per sesso e ruolo;
          • I’attuazione del MoU sarâ declinata attraverso I’adozione di un apposito regolamento in corso di approvazione da parte dei soggetti firmatari del Mou (di seguito Regolamento);
  • nel redigendo Regolamento attuativo del MoU é intenzione dei soggetti sottoscrittori prevedere la possibilitâ di concertare applicazioni locali dello stesso mediante sottoscrizione di protocolli attuativi da parte di soggetti aderenti e/o associati e/o controllati dai soggetti firmatari del MoU;
  • nelle more dell’adozione del Regolamento, ai firmatari del MoU é stata data informazione della sottoscrizione del presente Protocollo d’lntesa;
  • neII’ambito delle attivitâ finora poste in essere dai soggetti firmatari del MoU é stato elaborato uno strumento di rilevazione (foglio excel) univoco fornito da RAI d’intesa con il CNR (di seguito “Strumento di rilevazione”), che consentirâ di sperimentare entro la fine del 2022 un primo monitoraggio parziale al fine di fornire eventuali suggerimenti, rilevare criticitâ ed elaborare correttivi per poi procedere, a regime, a decorrere dal 2023 ad una rilevazione annuale, i cui esiti confluiranno in un database costituito da RAI per essere analizzati e presentati in eventi di rilevanza nazionale organizzati con il Dipartimento per Ie Pari Opportunitâ della Presidenza del Consiglio e Ie Istituzioni firmatarie del MoU;
    • Io Strumento di rilevazione sopracitato é diretto a raccogliere informazioni di contesto (quali tipologia e IiveIIo dei panel, indicazione dei siti e degli account social di divulgazione dei panel,

organizzazione dell’evento da parte del partner o di altra organizzazione, indicazione del responsabile della rilevazione), informazioni sui partecipanti (declinati per funzione e genere) con riferimento ai panel istituzionali.

 

 

PREMESSO,  ALTRESI, CHE

  • In coerenza con l’Agenda di genere ed in particolare con gli strumenti di gestione e di monitoraggio messi in atto in ambito regionale quali la redazione del Bilancio Sociale e di Genere nonché della Valutazione di lmpatto di Genere, é volontâ della Regione Puglia, con il supporto della Consigliera del Presidente per I’attuazione del programma di governo e tramite il coordinamento tecnico- amministrativo della Sezione per l’Attuazione delle Politiche di Genere incardinata presso la Segreteria Generale della Presidenza, individuare margini di miglioramento nella comunicazione pubblica diretti a garantire la partecipazione equilibrata e plurale di uomini e donne agli eventi di comunicazione organizzati direttamente ed esclusivamente dalla Regione stessa.

 

 

TUTTO CU PREMESSO E CONSIDERATO,

Regione Puglia e

Rai convengono quanto segue:

Art. 1

Premessa

Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente Protocollo di Intesa.

 

Art. 2

Finalitâ

Le Parti si propongono di promuovere negli eventi di comunicazione la partecipazione equilibrata e plurale di donne e uomini.

 

Art. 3

Oggetto

Oggetto deII’intesa é la realizzazione di un monitoraggio dei panel organizzati direttamente ed esclusivamente dalla Regione Puglia, inseriti nei siti istituzionali aII’uopo deputati (di seguito anche “Azione”). II monitoraggio avrâ una durata di circa 16 mesi prevedendo una prima restituzione parziale degli esiti al termine del 2022 ed una restituzione finale al termine del 2023. Anche in considerazione della complessitâ organizzativa deII’Ente Regione, si rende necessario, infatti, procedere ad una fase di indagine del contesto di riferimento, da attuarsi attraverso una fotografia deIl’esistente basata su una raccolta di dati relativa al periodo che intercorre tra la sottoscrizione del presente Protocollo e la fine del 2022. Successivamente, previa analisi e valutazione degli esiti, si attuerâ una rilevazione annuale relativa alI’anno 2023 volta a dare evidenza degli elementi quantitativi e qualitativi relativi aII’attuaIe partecipazione di uomini e donne agli eventi di comunicazione organizzati direttamente ed esclusivamente dalla Regione Puglia.

 

Art. 4


Modalitâ operative

AI fine di perseguire Ie finalitâ di cui aIl’art 2, la Sezione per l’Attuazione delle Politiche di Genere incardinata presso la Segreteria Generale della Presidenza procederâ ad avviare collaborazioni con la Struttura Speciale Comunica2ione Istituzionale e con la Struttura speciale cerimoniale, rappresentanza ufficiale deII’ente e procedimenti protocollari del Gabinetto del Presidente, nonché a promuovere accordi con soggetti istituzionalmente deputati neIl’ambito delle proprie finalitâ alla realizzazione di rilevazioni sulla condizione delle donne in Puglia.

II monitoraggio sarâ attuato attraverso I’utiIizzo dello Strumento di rilevazione univoco fornito da RAI d’intesa con il CNR, riportato in calce at presente e parte integrante dello stesso, All. 1), con esclusione dei campi riferiti ad organizzatori di panel diversi da quelli di diretta ed esclusiva realizzazione della Regione Puglia.

Resta inteso che la licenza d’uso del logo “No Women No Panel” é soggetta at preventivo espresso benestare della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea e di Rai e che i dati di cui al monitoraggio previsto all’art. 3 del presente Protocollo restano di proprietâ esclusiva della Regione Puglia, che potrâ utilizzarli secondo Ie proprie finalitâ istituzionali.

Gli esiti del monitoraggio saranno trasmessi a Rai per Ie finalitâ di cui alI’art. 2 del presente Protocollo e per Ie finalitâ del MoU e potranno essere comunicati a terzi, divulgati o costituire oggetto di pubblicazione solo previa comunicazione alla Regione Puglia. Negli eventuali usi si dovrâ esplicitamente far riferimento at presente Protocollo d’intesa.

 

Art. 5

lmpegni dei soggetti sottoscrittori

La Regione Puglia, anche attraverso la stipula di future convenzioni, si impegna a:

a)                  creare una piattaforma informatica ad uso interno, strumentale al monitoraggio ed alla realizzazione della banca dati di cui la stessa resta proprietaria esclusiva;

b)                  procedere alla stipula di accordi con soggetti che annoverino tra ie finalitâ istituzionali la realizzazione di attivitâ di studio e ricerca nella pubblica amministrazione e che abbiano giâ in atto forme di collaborazione con I’ente regionale sulla condizione delle donne in Puglia al fine di affidare la realizzazione del monitoraggio e la creazione della banca dati;

c)                  svolgere ie attivitâ di monitoraggio di cui all’art. 3 del presente Protocollo con Ie modalitâ indicate alI’art. 4;

d)                  comunicare alla Rai i dati richiesti dallo Strumento di rilevazione previsto neII’ambito del MoU, con esclusione dei campi riferiti ad organizzatori di panel diversi da quelli di diretta ed esclusiva organizzazione della Regione Puglia.

 

La Rai si impegna a:

a)                  dare alla Regione Puglia tempestiva comunicazione deII’approvazione del Regolamento e trasmettere Io stesso comprensivo delle “LINEE GUIDA - Memorandum of Understanding “No Women No Panel — Senza Donne Non Se Ne Parla” - Strumento di monitoraggio” (di seguito “Linee Guida”);

b)                 utilizzare i dati relativi al monitoraggio ricevuti dalla Regione Puglia esclusivamente per Ie finalitâ indicate nel MoU, nei termini indicati nelle Linee Guida;

c)                  mettere a disposizione, d’intesa con il CNR, lo Strumento di rilevazione;

d)                 rendere noti alla Regione Puglia gli esiti del monitoraggio complessivamente svolto;

e)                  mettere a disposizione il proprio know-how in materia, al fine di concorrere complessivamente, in sinergia con la Regione Puglia, at perseguimento della massima efficacia delI’Azione;


f)                   collaborare alle eventuali attivitâ di coordinamento e alle attivitâ di comunicazione dell’Azione.

 

Rai indica quale soggetto incaricato di verificare la corretta esecuzione del Protocollo dott.ssa Arianna Voto, in qualitâ di coordinatrice del progetto “No Women No Panel”.

Regione Puglia indica quale soggetto incaricato di verificare la corretta esecuzione del Protocollo dott.ssa Annalisa Bellino, in qualitâ di Dirigente della Sezione per I’attuazione delle politiche di genere.

 

Art. 6

Pubblicitâ

II presente Protocollo d’intesa viene pubblicato sul sito web della Regione Puglia www.regione.puglia.it e sul sito web della Rai https://raiperilsociaIe.rai.it/ .

 

Art. 7

Oneri

Per la realizzazione delle attivitâ previste nel presente Protocollo ciascuna Parte si avvale delle proprie risorse professionali e strumentali, nei limiti delle risorse finanziarie disponibili. II presente Protocollo non prevede dunque corrispettivi o altri oneri reciproci di natura economica tra Ie Parti.

 

Art. 8

Rispetto dei princ/pi etici e prevenzione della corruzione

Le Parti si impegnano a rispettare i principi etici generali di onestâ e osservanza della legge, pluralismo, professionalitâ, imparzialitâ, correttezza, riservatezza, trasparenza, diligenza, lealtâ e buona fede nonché il contenuto dei Codici etici, del Modello di Organizzazione Gestione e Controllo, del Piano Triennale Per la Prevenzione della Corruzione da ciascuna parte adottati.

 

Art. 9

Privacy

Tutti i dati saranno utilizzati dalla Regione Puglia e dalla Rai per soli fini istituzionali, assicurando la protezione e la riservatezza delle informazioni secondo la normativa vigente.

I dati oggetto di monitoraggio saranno trattati, per quanto occorrer possa, in coerenza con il documento Regole deontologiche per trattamenti a fini statistici o di ricerca scientifica ai sensi deII’art. 20, comma 4, del d.Igs. 10 agosto 2018, n. 101.

Le Parti si danno reciprocamente atto che i c.d. dati di contatto, ossia i dati personali (nome, cognome, recapito telefonico aziendali, indirizzo e-mail aziendale) dei soggetti che sono intervenuti ai fini della trattativa, e del perfezionamento e deII’esecuzione del presente Protocollo sono trattati solo ed esclusivamente per Ie predette finalitâ, con impegno delle Parti a conformarsi pienamente alle disposizioni previste dal Regolamento europeo 679/2016 e dal D.Lgs. n. 101/2018 di adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni europee.

Ciascuna delle Parti, quale Titolare autonomo del trattamento, risponderâ, quindi, direttamente per i suddetti dati di contatto che dovessero acquisire e/o trattare, in via esclusiva, impegnandosi a manlevare e tenere indenne .I’altra Parte da ogni danno, onere, costo, spesa, contestazione e/o pretesa promossa - per la tutela dei suddetti dati - da parte dei soggetti interessati elo dalle competenti Autoritâ, in caso di violazione delle dichiarazioni qui prestate e/o neII’ipotesi di violazione delle disposizioni in materia di protezione dei dati personali.

Ciascun Titolare autonomo risponderâ, per quanto di propria competenza, per gli ulteriori dati personali, oltre quelli di contatto, che dovessero essere trattati.


All. 1)

 

id

 

Nome evento

Nome dell'evento monitorato.

Argomento evento

Scegliere dal menu a tendina: economia, politica, scienze, societâ/attualitâ, cultura, ambiente

data

inserire la data deII’evento nel formato gg/mm/aaaa.

Tipologia

inserire se presentazione, conferenza, convegno, seminario, dibattito dat menu a tendina

Natura

inserire se evento fisico, ibrido o online dal menu a tendina

Luogo (se evento fisico o ibrido)

Regione o Provincia autonoma di svolgimento deII'evento: scegliere dal mend a tendina

Link 

link al sito o alla locandina/programma deII'evento

Evento organizzato dal partner NWNP

si/no: scegliere dal menu a tendina

Nome del soggetto che organizza

Nome della soggetto che organizza I’evento a cui il partner firmatario No Women No Panel partecipa

Che relazione ha il soggetto organizzatore con il MoU NWNP

Scegliere dal mend a tendina

 

 

 

partecipanti del partner:

Referenti istituzionali M

Inserire il numero di persone

Referenti istituzionali F

Inserire il numero di persone

Esperti M

Inserire il numero di persone

Esperte F

Inserire il numero di persone

Moderatori M

Inserire il numero di persone

Moderatrici F

Inserire il numero di persone

altri M

Inserire il numero di persone

altre F

Inserire il numero di persone

 

 

 

partecipanti esterni 

al partner:

Referenti istituzionali M

Inserire il numero di persone

Referenti istituzionali F

Inserire il numero di persone

Esperti M

Inserire il numero di persone

Esperte F

Inserire il numero di persone

Moderatori M

Inserire il numero di persone

Moderatrici F

Inserire il numero di persone

altri M

Inserire il numero di persone

altre F

Inserire il numero di persone


Art. 10

Disposizioni ulteriori 

Qualora, aII’esito della approvazione del Regolamento attuativo del MoU, in costanza di vigenza del presente Protocollo, venissero adottate modifiche dello Strumento di rilevazione e/o venissero approvate disposizioni che possano aver altrimenti incidenza sul presente Protocollo, Ie Parti negozieranno in buona fede Ie conseguenti modiche al presente Protocollo, riservandosi la facoltâ di perfezionare un atto aggiuntivo ovvero di risolvere anticipatamente il Protocollo nel caso in cui non si dovesse addivenire ad un’intesa.

 

Art. 11

Durata

Quanto sopra é stato letto, approvato e sottoscritto dalle Parti ed ha validitâ a decorrere dalla data di sottoscrizione fino al compimento degli impegni delle Parti ovvero fino al 31 dicembre 2023.


 

 

 

 

 

 

Per la RAI Radiotelevisione Italiana SPA                                             Per la Regione Puglia


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

7