Rai - Segretariato Sociale

Rai.it


Associazioni

  • Airalzh Onlus, Associazione Italiana Ricerca Alzheimer

    asso airalz

    Associazione : Airalzh Onlus, Associazione Italiana Ricerca Alzheimer

Airalzh Onlus è l’unica associazione che promuove a livello nazionale la ricerca medico-scientifica sulla malattia dell’Alzheimer e altre forme di demenza. Gli obiettivi principali di Airalzh sono concorrere all'identificazione dei fattori di rischio, al miglioramento delle tecniche per la diagnosi precoce e l’individuazione di nuovi bersagli per interventi terapeutici, con lo scopo di innalzare i livelli di cura, migliorare la qualità della vita dei pazienti e sensibilizzare l’opinione pubblica sulla malattia.  

Fondata nel 2014, l’associazione si avvale di un Comitato Tecnico Scientifico di alto profilo composto da scienziati italiani di fama internazionale. L’attività di Airalzh è stata e si sviluppa principalmente attraverso assegni di ricerca a sostegno di un progetto di “Rete” di giovani che operano in Università e centri di eccellenza distribuiti in tutto il territorio italiano.  

  In Italia, i malati di demenza sono più di 1 milione la maggior parte dei quali affetti da Alzheimer, malattia che oggi colpisce circa il 5% delle persone con più di 65 anni; con l’aumento dell’aspettativa di vita, si calcola che nel corso dei prossimi 30 anni i casi potranno triplicare. Non solo, le persone coinvolte in maniera indiretta - fra cui familiari e caregiver - sono ben tre milioni. 

Numeri impressionanti che evidenziano quanto ricerca e innovazione rimangano essenziali Di fronte alla recente pandemia che ha colpito soprattutto gli anziani, è emersa l’importanza della ricerca in generale ma anche la necessità di avere anziani meno fragili. La ricerca sull'Alzheimer ha ancora tanta strada da percorrere sia sul fronte dello studio che per la necessità di aumentare i finanziamenti per la ricerca. 

E’ grazie al sostegno di una grande insegna come Coop - che ha creduto fin dall’inizio nella ricerca - che Airalzh ha potuto creare una rete di giovani ricercatori distribuita nel territorio italiano e così far crescere una nuova generazione di giovani ricercatori che si è dedicata alla ricerca sulla patologia di Alzheimer. Questa rete ha permesso svolgere attività di sensibilizzazione per far conoscere la malattia e dare a tutti la possibilità di contribuire economicamente, con donazioni private e lasciti testamentari, alla ricerca italiana sull’Alzheimer. Nel 2020 è uscito il primo bando Airalzh finalizzato al finanziamento di progetti di ricerca (AGYR2020, Airalzh Grants for Young Researchers). 

La rete dei giovani scienziati Airalzh è convinta che la condivisione dei risultati ottenuti dalle proprie ricerche - siano cliniche, genetiche o epidemiologiche - sia di fondamentale importanza per ottenere un futuro senza Alzheimer. 

 

www.airalzh.it