23/11/2019

Notizie TGR:

OPERAZIONE CONCORDIA

Un anno e 8 mesi dopo il naufragio, la rimozione del relitto della Costa Concordia entra nel vivo. Un’impresa senza precedenti per liberare l’Isola del Giglio dal gigante affondato da un inchino

Il relitto della Costa Concordia

Nei 20 mesi passati inclinata a poca distanza dalla riva, la Costa Concordia è ormai diventata parte integrante del panorama dell’Isola del Giglio. Una presenza scomoda, indesiderata e capace di rievocare continuamente la terribile notte del 13 gennaio 2012, quando la sciagurata manovra dell’inchino decisa dal comandante Francesco Schettino provocò 32 morti. Una presenza, però, che allo stesso tempo finora è stata inevitabile. Per spostare in sicurezza un gigante del mare lungo 290 metri bisogna infatti procedere con la massima attenzione. Ora però la rimozione inizia ad apparire davvero una prospettiva concreta.

UN PROGETTO TITANICO
È un’impresa senza precedenti, quella a cui sono chiamati in questi mesi gli uomini del Consorzio italo-americano composto da Titan Salvage e Micoperi, le imprese scelte da Costa Crociere. Un progetto a cui lavorano 500 persone e dal costo complessivo di circa 600 milioni di euro, tutti a carico della compagnia di navigazione e delle assicurazioni. I lunghi preparativi hanno consentito di stabilizzare la nave, di preparare un falso fondale sotto lo scafo e di posizionare dei cassoni di galleggiamento sul suo lato sinistro, quello a vista. È quindi arrivato il momento della spettacolare fase di ribaltamento e rotazione del relitto. Poi sarà necessario posizionare dei cassoni di galleggiamento anche sul lato destro, quello rimasto sott’acqua. Infine, svuotando dall’acqua i cassoni, la Costa Concordia tornerà a galleggiare e potrà essere rimossa e condotta in un porto ancora da individuare per essere smantellata (PHOTOGALLERY: LE FASI DELLA RIMOZIONE)

LA TEMPISTICA
Queste le fasi previste dai tecnici. Stabilire quando sarà conclusa l’operazione Concordia è però tutt’altro che semplice. Le variabili in gioco sono molte, dalle condizioni effettive dello scafo al maltempo. Sul portale informativo dedicato al progetto di rimozione si legge che “il cronoprogramma aggiornato sulla base dell'avanzamento dei lavori e del progetto prevede che il relitto venga rimosso entro l'estate 2014”. Il capo della Protezione Civile, Franco Gabrielli, in un’audizione in Commissione Ambiente alla Camera ha auspicato che si riesca a portare a termine il tutto già entro la primavera del prossimo anno.

L’IMPATTO AMBIENTALE
In ogni caso, anche dopo aver finalmente liberato l’Isola del Giglio dalla nave, la vicenda della Costa Concordia non si potrà considerare conclusa. Il relitto è un vero e proprio rifiuto speciale pieno di materiale inquinante, che inevitabilmente si riverserà almeno in parte in mare. Secondo le stime, nello scafo ci sono ancora tonnellate di materia organica e metalli pesanti, oltre a 237 metri cubi di carburante che non è stato possibile aspirare in condizioni di sicurezza. Sono già state prese numerose contromisure, ad esempio posizionando panne assorbenti, reti e barriere antitorbidità. Inoltre durante e dopo la fase di rotazione il programma degli interventi prevede un'attività giornaliera di mezzi attrezzati per il servizio di vigilanza e sorveglianza, gestione delle panne, attività di eventuale pompaggio e raccolta di sostanze sversate. L’Arpat, l’Agenzia per la protezione ambientale della Toscana, rassicura la popolazione prevedendo che lo sversamento di acque interne avrà impatti “temporanei e poco significativi”, ma nell’area interessata dall'incidente sono comunque previsti cinque anni di monitoraggio delle condizioni ambientali.

IL PROCESSO
C’è poi il versante giudiziario del naufragio, uno dei più gravi incidenti navali degli ultimi decenni. Nel luglio scorso cinque indagati, accusati di omicidio colposo plurimo e lesioni colpose, hanno patteggiato condanne comprese tra un anno e 6 mesi e due anni e 10 mesi. Tra loro anche l'hotel director Manrico Giampedroni, "eroe della Costa Concordia" premiato per aver salvato centinaia di vite, che ha patteggiato una condanna a 2 anni e sei mesi di reclusione per omicidio colposo plurimo e lesioni colpose plurime.

Continua invece il processo al comandante Francesco Schettino, accusato di omicidio colposo e abbandono della nave. La prossima udienza è in programma a Grosseto il 23 settembre. Tra i testimoni coinvolti nell'inchiesta ci sono anche Domnica Cemortan, la moldava che era sul ponte di comando al fianco di Schettino, e il capo della Capitaneria di porto di Livorno, Gregorio De Falco, divenuto celebre per la telefonata nella quale subito dopo il naufragio intimava al comandante della nave di tornare a bordo (GUARDA IL SERVIZIO DEL TGR TOSCANA). Anche dopo la rimozione dall’Isola del Giglio, la Costa Concordia continuerà a proiettare la sua ombra su molte vite ancora a lungo.

LA CRONOLOGIA DEI PRINCIPALI EVENTI NEI SERVIZI DEL TGR TOSCANA


Andrea Bettini e Wolfango Gaudenzi

Tgr
  • CAMPAGNA TGR

  • ITALIA DELLA LEGALITA'

    Una settimana dedicata alla legalità: l’intera Tgr, regione per regione, è stata impegnata in servizi, inchieste, dirette, approfondimenti. La campagna di informazione si è conclusa con una edizione speciale del Settimanale, in onda a diffusione nazionale.
       
    GUARDA I SERVIZI

    GUARDA IL SETTIMANALE

  • BUONGIORNO ITALIA

  • Tanti piemontesi in fila davanti alla camera ardente delle vittime dell'attentato di Tunisi. Nel primo pomeriggio i funerali a Torino e Novara. Stanno intanto rientrando i feriti: tra questi una torinese, salva perché è rimasta 2 ore nascosta sotto i cadaveri dei compagni di viaggio.

    La maggioranza della Pirelli passa ai cinesi della ChemChina che presto lanceranno un'opa totalitaria a 15 euro per azione al termine della quale il titolo verrà ritirato da Piazza Affari. Il completamento dell'assetto avverrà entro l'estate.

    Un ragazzo di quindici anni è morto a Monza, la madre è in coma. La colpa di un automobilista, alla guida di un suv grigio, che non ha rispettato la precedenza provocando un incidente con 5 auto coinvolte. Poi ha proseguito la corsa senza fermarsi; i vigili urbani lo stanno cercando.

    Roma e Lazio ancora ad un punto di distanza, che significa accesso o meno alla Champions. La Sampdoria vince ancora battendo l'Inter e sorpassa così il Napoli, bloccato su un pareggio dall'Atalanta. Pareggio anche tra Fiorentina e Udinese (2-2), mentre il Torino supera con 2 gol il Parma.

    GUARDA LA PUNTATA
  • TGR SCIENZE

  • IL TELEGIORNALE SCIENTIFICO DELLA TGR, IN ONDA DAL LUNEDI' AL VENERDI' ALLE 14.50. IN OGNI PUNTATA UN VIAGGIO NEL MONDO DELLA SCIENZA 


    ARCHIVIO VIDEO
  • Economia e finanza

  • TELEGIORNALE ECONOMICO 
    DAL LUNEDI' AL VENERDI' ORE 15.05

    ARCHIVIO VIDEO
  • ARCHIVIO TGR WEB

  • L'archivio degli approfondimenti di attualità curati dal sito internet della Tgr Rai

    inchieste

    GUARDA LE INCHIESTE DEL TGR WEB

    fotogallery

    GUARDA LE PHOTOGALLERY

  • BELLITALIA

  • SABATO DALLE ORE 11.00 ALLE ORE 11.30

  • PRODOTTO ITALIA

  • SABATO DALLE ORE 11.30 ALLE ORE 12.00

  • DIRETTA STREAMING

  • AMBIENTE ITALIA

    SABATO DALLE ORE 12.55 ALLE ORE 13.50

  • PREMIO LA GIARA

  • VITE A PERDERE

  • STORIE DI FEMMINICIDI

    Vite interrotte per la violenza di un compagno, un conoscente, uno sfruttatore. La rubrica "Vite a perdere", curata da Alvaro Fiorucci per il Tgr Umbria, ripercorre i più eclatanti casi di femminicidio nella regione del Centro Italia.

    GUARDA I SERVIZI
  • SPORTELLO SALUTE

  • Sportello Salute, a cura di Paola Aristodemo, è una rubrica di servizio sulla sanità regionale del Lazio. Per proporre argomenti e aprire un dialogo con la redazione, gli utenti possono scrivere all'indirizzo di posta elettronica sportellosalute@rai.it .

    GUARDA I SERVIZI
  • SBARRE

  • Palermo, Bari, Catania, Roma, Milano: in ciascuno dei più importanti centri abitati d’Italia esistono quartieri difficili, quelli che una volta si chiamavano sobborghi. Porzioni di città in cui vigono norme molto diverse da quelle che regolano la vita civile: dominano criminalità, violenza, furti, droga, degrado e solitudine. Un viaggio di Angela Trentini attraverso i quartieri difficili, e poi fin dentro le carceri che finiscono per ospitare molti degli abitanti di quegli stessi quartieri.

    GUARDA IL VIDEO
  • DITELO AL TGR

  • È lo spazio che accoglie le vostre video segnalazioni, le vostre video denunce, le immagini che raccontano i disservizi nel vostro comune, ciò che non funziona o funziona male nella realtà che vi circonda. Fate click sulla pagina della vostra regione, cercate Buongiorno Regione, troverete i servizi del telegiornale regionale che approfondiranno le vostre denunce e tenteranno di rispondere alle vostre domande.

  • GUARDA I VIDEO DELLA TUA REGIONE