Rai.it
Rai

La panchina rossa della Rai al Festival dei Due Mondi di Spoleto

In occasione di  "Alle radici della violenza di genere" con Rai per la Sostenibilità ESG

(none)
La panchina rossa della Rai di Viale Mazzini - iconico simbolo della lotta ai femminicidi - lascerà per la prima volta la sede romana per approdare al Festival dei Due Mondi di Spoleto, in occasione dell’evento “Alle radici della violenza di genere”, con cui Rai Per la Sostenibilità ESG torna in scena a Spoleto sabato 13 luglio alle 10.30, dopo aver portato al Festival il progetto sulle carceri italiane. 
L’incontro di sabato 13, nell’ambito del progetto europeo, rilanciato dalla Rai, “No Women No Panel” per la parità di genere nel dibattito pubblico, accende i riflettori del Teatro Caio Melisso su stereotipi e pregiudizi, alla base delle discriminazioni e della violenza contro le donne. Con il direttore di Rai per la Sostenibilità ESG, Roberto Natale, e la direttrice artistica del Festival dei Due Mondi di Spoleto Monique Veaute, interverranno nel dibattito la vicepresidente della Fondazione Una, Nessuna e Centomila, Celeste Costantino; lo scrittore Maurizio de Giovanni, che leggerà il suo scritto inedito “Non ho fatto niente”; il creativo Guillermo Mariotto,  che con la maison Gattinoni ha aderito a “We Do It Together”, un’iniziativa no profit che unisce uomini e donne nel cambiare il paradigma culturale rafforzando il ruolo della donna; oltre che a “Time’s Up - Il tempo è scaduto”, e a #metoo, l’hashtag divenuto virale, che invita le donne a rompere il silenzio, perché la parità sia la regola e non l’eccezione. 
Sul palco e in platea anche rappresentanti delle associazioni femminili e femministe e dei centri antiviolenza del territorio: Crisalide di Spoleto, Fidapa BPW Terni, Spoleto e Valnerina; Inner Wheel Club di Spoleto; L’Albero di Antonia di Orvieto; “Libera…Mente Donna; Maria Teresa Bricca” di Città della Pieve; Stati Generali delle Donne – Umbria; Terni Donne; Forum donne Amelia “Barbara Corvi” di Narni, la cui vicepresidente Maria Teresa Di Lernia, psicologa, racconterà esperienze e testimonianze sul campo. Interverrà anche la Presidente del Centro Pari Opportunità e politiche di genere della Regione Umbria Avv. Caterina Grechi.
Ad aprire la matinée, la Presidente della Commissione Parlamentare di inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza di genere, Martina Semenzato, e la direttrice artistica del Festival dei Due Mondi di Spoleto, Monique Veaute. Hanno assicurato la loro presenza anche i vertici delle istituzioni locali: il Sindaco di Spoleto, Andrea Sisti; la Presidente della Provincia di Perugia, Stefania Proietti; Maurizio Oliviero, Rettore Università degli Studi di Perugia e Valerio De Cesaris, Rettore Università per Stranieri di Perugia. Al dibattito, moderato dalla giornalista Rai Arianna Voto, coordinatrice di “No Women No Panel”, farà seguito “Laleolab”, gioco- laboratorio sugli stereotipi e i bias nel linguaggio (i pregiudizi linguistici), rivolto a studenti e studentesse degli atenei, a cura dell’Università Federico II di Napoli, e guidato dalle professoresse Angela Gargano (INFN) e Antonella Liccardo (UniNA).