Rai.it
Rai 5

Joan Mirò, il fuoco interiore

Le opere e il privato

(none)
Miró è una figura iconica nel mondo dell'arte. Più passa il tempo, più il suo lavoro diventa universale, andando oltre confini e generi. Il suo lavoro vive al di fuori dei musei, sui muri di prestigiose istituzioni, e la sua influenza si estende al design e all'architettura ed è visibile nei luoghi più inaspettati. Lo racconta il documentario “Joan Mirò, il fuoco interiore” di Albert Solé, in onda mercoledì 21 settembre alle 19.25 su Rai 5. Grazie al documentario, che vanta l'eccezionale presenza di Joan Punyet Miró, nipote e amministratore dell'artista - nonché ad archivi inediti e a un accesso privilegiato alla sua opera e al suo studio- si scoprono alcune delle sfaccettature meno familiari del pittore: il Miró privato, che potrebbe «di giorno essere un tesoro, e di notte, un mostro»; Miró il provocatore, così come il Miró che era sensibile all'angoscia dei suoi compatrioti. Obiettivo anche sulle pressioni che comporta la gestione dell'eredità di un pittore così immenso, un peso che ricade su un singolo discendente, e il tragico destino della maggior parte dei membri della sua famiglia.