Rai.it
Rai

Premi MOIGE 2022, diciannove riconoscimenti per la Rai

Alberto Angela e Carlo Conti tra i premiati, en-plein nei programmi per teenager

Dopo due anni di streaming causa pandemia, è tornata a svolgersi dal vivo, alla Camera dei Deputati, la presentazione della guida dell'Osservatorio Media del Moige, con la tradizionale consegna dei premi assegnati dal Movimento Genitori ai prodotti televisivi dedicati ai giovani e alle famiglie. La Rai ne ha conquistati diciannove, tra fiction, programmi per ragazzi e premi speciali. Nello specifico, per la sezione "Fiction e docufiction", i riconoscimenti sono andati a “A muso duro”, la fiction di Rai1 dedicata alla figura di Antonio Maglio - interpretato da Flavio Insinna - il medico che col suo operato, e l'invenzione dei Giochi Paralimpici, ha contribuito a cambiare la visione della disabilità tanto che persone un tempo emarginate possono oggi avere una vita dignitosa e “normale” e con la loro capacità di reagire alle difficoltà essere d’esempio per tutti, a “Fino all’ultimo battito”, la serie con Bianca Guaccero e Marco Bocci, un antieroe, che ha invitato il pubblico a riflettere sul delicato confine fra etica e sentimenti, fra ciò che è giusto fare e ciò che vorremmo fare per noi e per quanti amiamo. 
Premiati anche “La scelta di Maria”, il docu-film, con Sonia Bergamasco, sul centenario del Milite Ignoto e “Noi”, la serie tv con Lino Guanciale, per aver rappresentato una famiglia vera, quella in cui ciascuno di noi può trovare qualcosa del proprio vissuto familiare, le sofferenze ma insieme anche quella bellezza che porta a pensare: “vale la pena”.
Diversi anche i riconoscimenti assegnati alla Rai nella sezione "Intrattenimento, cultura e informazione", da “Apnea”, original di RaiPlay Sound sulla tragedia della Costa Concordia, per il coraggio avuto nel disvelare la verità dietro ai terribili fatti accaduti il 14 gennaio 2012, dinanzi all’isola del Giglio, con un tratto narrativo pulito e diretto facendo risaltare il valore dell’impegno sociale e umano di persone comuni, “Il sogno del podio”, di Rai 5, uno splendido modo per avvicinare la musica, anche la classica, a un pubblico più ampio di famiglie e giovani, “Kalipé – A passo d’uomo” (Rai2), il programma di Massimiliano Ossini che ha riunito in un unico format, intrattenimento, musica e sostenibilità accompagnando gli spettatori in un viaggio consapevole alla scoperta della natura e del pianeta e “La fabbrica del mondo”, che su Rai3, tra divulgazione scientifica e momenti di respiro teatrale, ha condotto le coscienze del pubblico su un tema così importante quanto necessario, imparare a vivere insieme alla terra.
Premiati, poi, nella stessa sezione, anche “Ore 14”, l'approfondimento pomeridiano di Rai 2 condotto da Milo Infante che, secondo i genitori, ha raccontato i principali fatti di cronaca nera senza spettacolarismi, con professionalità, serenità e puntalità, con interviste esclusive, riflessioni mai banali, coinvolgendo i giovani come protagonisti nei dibattiti, “Stanotte a Napoli”, di Alberto Angela, che su Rai 1 ha fotografato con realismo l'anima di una città dai "mille colori", rifuggendo da facili stereotipi, e “The Band”, il programma di Carlo Conti, sempre su Rai 1, che ha sostenuto il ritorno della musica dal vivo, fattore potente di condivisione per la nostra società.
Tanti i premi conquistati dalla Rai, poi, nella sezione "Programmi per bambini e ragazzi":  da “Gli acchiappagiochi”, di Rai Yoyo, che in un momento storico dominato dai giochi online ha proposto una serie di animazione dedicata agli antichi giochi di cortile a “Io alla tua età”, l'originale serie di animazione che coniuga peresente e passato, in onda su Rai Gulp, fino alla seconda stagione di “Lampadino e Caramella nel MagiRegno degli Zampa” - su Rai Yoyo - il primo cartoon able, capace di coniugare diversi codici comunicativi e linguaggi, dando così concretezza al valore dell’inclusione.
En plein, invece, nella sezione "Programmi per teenager", nella quale tutti i riconoscimenti del Movimento Genitori sono andati a produzioni Rai: “Halloweird”, di Rai Gulp, prima serie fantasy comedy italiana con quattro protagonisti che, ritenuti dei “perdenti”, intraprendono un percorso di accettazione di sé stessi e imparano a rendere i loro difetti punti di forza, 
“Snow Black”, ancora di Rai Gulp, una serie live action dedicata ai ragazzi su una tematica significativa del mondo adolescenziale, quella del web e delle relative implicazioni, e
“Voglio essere un mago”, il format di Rai 2 dedicato al mondo della magia.
Due, infine, i premi speciali, entrambi a due prodotti di Rai Fiction: quello della Polizia Postale per “Non mi lasciare”, la serie tv firmata da Ciro Visco con Vittoria Puccini, Alessandro Roia e Sarah Felberbaum che ha esplorato il mondo del web, sia quello dark sia quello del quotidiano, mostrando la pericolosità che può nascondere, soprattutto per i più giovani, e quella della Polizia Stradale per “Vostro onore”, la serie di Alessandro Casale che, con l'interpretazione di Stefano Accorsi, ha affrontato il tema della sicurezza su strada mettendo in risalto quanto un atteggiamento responsabile e civile, anche in situazioni accidentali, possa davvero fare la differenza nel salvare vite e salvaguardare le famiglie.