Rai.it
Rai 3

Passato e Presente

I figli della guerra

(none)
L’infanzia è tra le principali vittime della Seconda guerra mondiale in tutto il mondo. Lo è anche in Italia, dove al termine del conflitto, mentre il Paese cerca faticosamente di risollevarsi, i “figli della guerra” continuano per anni a pagare il prezzo più alto della violenza, dell’indigenza e dell’esclusione. Nell’appuntamento con “Passato e Presente”, in onda giovedì 23 giugno alle 13.15 su Rai 3 e alle 20.30 su Rai Storia, la professoressa Silvia Cassamagnaghi ricostruisce, insieme a Paolo Mieli, le complesse trame di vita che hanno per protagonisti quei bambini abbandonati, a partire dai “figli del nemico”, nati dall’unione tra donne italiane e soldati occupanti tedeschi, ma anche quelli nati dai rapporti tra donne italiane e militari alleati, che la fine delle ostilità spesso fatalmente interrompe. E ancora i figli della violenza, quelli che anche dopo la firma dell’armistizio continuano a morire di fame, o quelli che sono stati mutilati dallo scoppio delle mine. Per molte di queste giovani vite si spalancano le porte dell’assistenza presso istituti pubblici o privati, laici o religiosi; alcuni vengono adottati a distanza o affidati a famiglie che, talvolta, li accolgono dall’altra parte dell’oceano, negli Stati Uniti.