Rai.it
Rai 5

Aurelia. Bianco e Nero

Tra Toscana e Liguria

(none)
Il tratto della via Aurelia compreso tra due fiumi, l’Arno e il Magra. Lo percorre il documentario “Aurelia. Bianco e Nero” di Guido Morandini, in onda domenica 21 novembre alle 22.10 su Rai5. E’ una zona in cui la Toscana, in qualche modo, già non è più Toscana. Un territorio di confine tra l’Italia peninsulare e l’Italia continentale, abitato da persone che hanno una identità propria, come gli abitanti di Massa e Carrara.
È proprio qui che lo stivale si attacca al corpo massiccio dell’Europa. Lo ricorda l’Appennino che piega a ovest e si avvicina così tanto al mare, da rendere la Versilia una striscia di pianura stretta e lunga.
In questa zona tutto è denso, concentrato com'è nei pochi chilometri che dividono le spiagge del mar Ligure dalle rocce delle montagne, che qui si chiamano Apuane.
Ed è proprio in questo lembo di terra che acqua e marmo diventano gli elementi fondanti del territorio, l'anima che muove le persone, l'indole ribelle che si respira in ogni racconto, una sorta di inquietudine che trova la sua espressione nell’arte, nella ricerca storica e nel famoso carnevale di Viareggio.
Se la geologia forgia i caratteri e la geografia fa la storia, capita così di ritrovarsi al centro del mondo pur senza spostarsi molto. Come a Coltano, non lontano da Pisa, dove cent'anni fa, da una stazione radio voluta da Marconi, incominciò quel processo di comunicazione globale di cui oggi siamo tutti testimoni e che ha portato la comunità locale di agricoltori a conservarne la memoria.