Rai.it
Rai

Linea Verde Estate, su Rai1

Marche: "Un viaggio nel tempo plurale"

(none)
Da Senigallia ad Arcevia, da Fano a Sant’Angelo in Campo, a Jesi. L’appuntamento di  “Linea Verde Estate”, con Marco Bianchi e Angela Rafanelli, in onda domenica 18 luglio, alle 12.20 su Rai1, sarà un viaggio nelle Marche. Sfilate di giganti carri allegorici in cartapesta, maschere, musica, centinaia di chili di dolciumi ed il rogo finale in cui viene bruciato il grande Pupo: a Fano, lo spettacolo unico e indimenticabile del Carnevale più antico d’Italia, datato 1347. 500 ettari di dolci colline, un microclima favorito ad Est dalle correnti marittime e ad Ovest dalla protezione degli Appennini, proprietà nutritive uniche: ad Arcevia, in un’azienda agricola, nel mezzo di un mare di spighe color oro, l’unicità del cereale più antico d’Italia, il farro, risultato di un lavoro paziente e rigoroso che ha richiesto oltre un decennio di attenta selezione. Uno spaccato, curioso e divertente, una meravigliosa finestra sul passato, 12 pescherie che si approvvigionano direttamente dalle barche da pesca. A Fano, il tripudio di colori e sapori del mercato del pesce all’ingrosso, inaugurato nel 1939 e, con gli amici della “Confraternita del Brodetto”, la preparazione di una succulenta zuppa di pesce.    
Il fascino dei castelli di Loretello e di Piticchio, una cooperativa agricola nata dall’iniziativa coraggiosa e pionieristica di giovani soci fondatori: al confine tra Arcevia e San Lorenzo in Campo, in una meravigliosa campagna punteggiata di borghi murati, la valorizzazione del biologico, anima dell’agricoltura marchigiana.  Un luogo votato ai profumi e alla memoria collettiva, concepito “passando ore, giorni e anni a guardare il lungo mare, che restituisce costantemente bellezza”, pensando alla nonna “che raccoglieva in quel lembo di terra adiacente al mare i grugni, le acetoselle, la malva”. A Marzocca di Senigallia, con Moreno Cedroni, due stelle Michelin, la realizzazione dell’Orto Marittimo e l’importanza delle materie prime per una cucina sana e genuina. Infine, uno scorcio morbido di campagna marchigiana, trenta tipi di formaggi prodotti tra Ancona e Jesi, con la secolare tradizione di una famiglia locale che esprime una delle migliori arti casearie del territorio marchigiano.