Rai.it
Rai

A "Passato e Presente" la prima età feudale

Su Rai Storia (canale 54) i servi della gleba 

(none)
“La casa di Dio che si crede una, è dunque divisa in tre: gli uni pregano, gli altri combattono, gli altri infine lavorano. Coloro i quali lavorano sono chiamati servi”. Questo passo dello storico Adalberone di Laon restituisce un'immagine della società intorno all'anno Mille, uno specchio abbastanza fedele della cosiddetta “prima età feudale”. A “Passato e Presente”, il programma di Rai Cultura in onda sabato 17 luglio alle 20.30 su Rai Storia, ne parlano lo storico medievista Alessandro Barbero e Paolo Mieli.
Nell'Italia in cui si stanziano i Longobardi, dopo la dissoluzione dell’Impero Romano, la maggior parte dei contadini non sono più schiavi: sono ex-schiavi, liberti, nel sistema longobardo detti aldii. Costoro sono uomini liberi, ma per le leggi degli imperatori romani, conservate dai re longobardi, non possono abbandonare la terra che lavorano. È quest'obbligo verso la terra che secoli dopo spingerà i giuristi del basso Medioevo a inventare la figura del "servo della gleba", un contadino cioè che non è schiavo di un padrone, ma è legato alla terra (la "gleba") che coltiva. Una figura giuridicamente complessa, che si colloca a metà tra lo schiavo e l’uomo libero.