Rai.it
Rai

Torna su Rai3 "Da quel giorno"

Storie di sopravvissuti ad un evento che ha cambiato loro la vita

(none)

Quarto appuntamento, su Rai3, con “Da quel giorno”, un programma che parla di luce dopo il buio, di salvezza e di rinascita proprio quando tutto sembrava irrimediabilmente perduto. Quattro storie di sopravvissuti, soccorritori, testimoni o semplici passanti che si sono trovati in mezzo ad un evento drammatico che ha per sempre cambiato la loro vita. Spesso, inaspettatamente, in meglio. Al centro della puntata in onda venerdì 11 giugno alle 23.15 la storia di Michele, 40 anni, un informatico forense. Un uomo di successo, con due bei figli da crescere e una vita tutta proiettata nel futuro. È a una piccola festa patronale in provincia di Brescia con i suoi figli, quando inizia a sentirsi male. Sembra solo un po’ di febbre, ma preferisce lasciarli a dormire dalla loro mamma. Non si sente tranquillo. È il 20 febbraio del 2020 e in Italia si inizia a parlare di Coronavirus. Da quel giorno la vita di Michele – come quella di tanti altri – è cambiata. La febbre di Michele sale e in quelle stesse ore viene confermato il paziente zero a Codogno… In quel momento nessuno può prevedere che una pandemia starà per travolgere il mondo intero e il nostro Paese. Michele non sa di aver già contratto il virus. Lo scoprirà qualche giorno dopo quando un’ambulanza lo porterà d’urgenza in ospedale. Il livello di ossigeno nel sangue è bassissimo. Michele, giovane e con una salute di ferro, finirà in terapia intensiva. Non sa ancora quanto dovrà combattere per tornare alla vita. Non sa se riuscirà a riabbracciare i suoi figli. La storia di Michele si intreccia a quella di un giovane infermiere impegnato in prima linea e a quella di una ragazza, Ester, che rischia di perdere il padre.

 “Da quel giorno” è un programma di Silvio Testi scritto da Sara Lorenzini e Marcello Conte e prodotto da Triangle Production per Rai3