Rai.it
Rai

Rai media partner della 75 edizione Premio Strega 

Il 10 giugno la cinquina dei finalisti, il 18 la proclamazione del vincitore

(none)
E’ il più importante premio letterario italiano, e per la prima volta, al “compleanno” numero 75, la Rai lo affiancherà nel ruolo di media partner, dedicando allo “Strega” una serie di iniziative editoriali speciali, oltre alle due dirette, quella del 10 giugno per la selezione della cinquina dei finalisti, condotta da Gigi Marzullo e in onda su RaiPlay e in streaming sul portale di RaiCultura, e quella dell’8 luglio, dal Museo etrusco di Valle Giulia di Roma, per la proclamazione del vincitore, in onda su Rai3. Un viaggio lungo un mese, nel corso del quale la Rai “viaggerà” accanto al premio, scandendo, sul sito di RaiCultura, i vari appuntamenti con gli autori finalisti, protagonisti degli “Incontri” con il pubblico, dal primo, a Bisceglie, fino all’ultimo, quello di Macerata che precederà la serata finale. 
Alla copertura giornalistica, assicurata dalle Testate Nazionali e da quelle regionali della TGR, si aggiunge, infine, l’omaggio di Rai Movie, I film del Premio Strega, una rassegna di lungometraggi tratti da romanzi che hanno concorso al Premio, in programma ogni giorno già da domenica 6 e che proseguirà fino a sabato 12 giugno. Da La guerra dei cafoni di Davide Berletti e Lorenzo Conte, dall’omonimo romanzo di Carlo D'Amicis, fino a Caos calmo di Antonello Grimaldi, dall'omonimo romanzo di Sandro Veronesi, i film della rassegna sono in totale otto: Rocco e i suoi fratelli di Luchino Visconti, da Il ponte della Ghisolfa di Giovanni Testori, Le amiche di Michelangelo Antonioni, tratto da Tra donne sole, terzo romanzo della raccolta La bella estate di Cesare Pavese, La lunga notte del ‘43 di Florestano Vancini, da Le cinque storie ferraresi di Giorgio Bassani, La ragazza di Bube di Luigi Comencini, dall’omonimo romanzo di Carlo Cassola, A ciascuno il suo di Elio Petri, dall’omonimo romanzo di Leonardo Sciascia e Il nome della rosa di Jean-Jacques Annaud, dal capolavoro di Umberto Eco.