Rai.it
Rai

'Le Casellanti' di Isoradio vanno a Sorgnano

In provincia di Carrara per scoprire un dialetto poco toscano

(none)
Per ‘Le Casellanti’ di Isoradio impegnate nelle  loro incursioni nel dialetto italiano, sta per iniziare una nuova settimana. Lunedì 5 aprile alle 10.35, la sosta sarà a Sorgnano, un piccolo paese che fa parte del comune di Carrara. Qui la parlata non ha nulla a che fare con quella Toscana, perché tante sono le influenze idiomatiche, ma soprattutto perché il pase è molto a nord, al confine con la Liguria. A guidare  Nicoletta Simeone a Sorgnano sarà Alma Cordiviola una vera esperta del territorio e della lingua, che spiegherà tutte le particolarità di questa parte della toscana che non si è mai sentita assoggettata a nessun potere, anche linguistico. Forte della protezione delle Alpi Apuane da qualsiasi contaminazione, il  carrarino ha mantenuta forte una cultura che nasce dal marmo e dalla sua lavorazione, fin dal tempo dei Romani: i proverbi, i modi di dire, gli utensili e anche i comportamenti, ruotano tutti intorno a questo elemento. Moltissime locuzioni si stanno perdendo, ma ce n’è una in particolare che Alma vorrebbe salvare dall’oblio: “fat a mod’r”, cioè “state attenti”, il saluto rivolto soprattutto ai cavatori che si recavano al lavoro.