Rai.it
Rai

Capodanno "L'anno che verrà"

“In considerazione del protrarsi dell'emergenza e in considerazione di quanto previsto dall'ultimo Dpcm, Rai e Regione Umbria hanno consensualmente deciso di non proseguire nell'organizzazione dell'edizione 2020 della serata di Capodanno. Nell'ambito del percorso di collaborazione tra le due istituzioni, nato ad inizio estate, si era infatti ipotizzata la possibilità di ospitare “l'anno che verrà” all'interno delle acciaierie di Terni. Una location che rispondeva alle misure di sicurezza e prevenzione adottate, trattandosi di uno spazio all'aperto ma circoscritto.

L'intesa tra Rai e Regione Umbria proseguirà comunque con l'elaborazione di una convenzione per la produzione e la diffusione di contenuti di Servizio Pubblico per far conoscere una terra ricca di arte, storia ed eccellenze. Per il Capodanno di Rai Uno in Umbria appuntamento solo rinviato al prossimo anno”.

Lo dichiarano il direttore di Rai1, Stefano Coletta e Paola Agabiti, assessore alla Cultura e al Turismo della Regione Umbria.

“La massima sicurezza e la tutela della salute di lavoratori e artisti – ha spiegato il direttore Coletta– sono stati sin dal primo momento dell'emergenza Covid-19 elementi fondamentali del nostro operato, a tutti i livelli. Quest'anno la serata del 31 dicembre sarà particolare per tutte le famiglie, dopo tanti mesi di difficoltà. Per questo avremmo voluto offrirgli uno spettacolo diverso, mettendo al centro il lavoro e le sue declinazioni”.

“L'intesa con la Rai – ha aggiunto Paola Agabiti – è sin dal primo momento stata improntata alla massima prudenza e responsabilità. Il lavoro iniziato insieme  proseguirà ora con la convenzione tra Raicom e Regione, nella consapevolezza che un'intesa istituzionale di questo tipo possa rappresentare un valore aggiunto importante per il nostro territorio. Ringrazio il comune di Terni, la Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e tutti coloro che si sono adoperati in questi mesi”.

Rai1 realizzerà quindi la serata di Capodanno, "L'anno che verrà", negli studi televisivi ‘Fabrizio Frizzi’ a Roma.