Rai.it
Rai

"Tutto su mia madre" su Rai3

Ultima settimana con le storie di madri italiane

(none)

 

Sesta e ultima settimana per “Tutto su mia madre”, il nuovo docu-reality prodotto da Rai3, che racconta le vite ordinarie e al tempo stesso straordinarie delle mamme italiane, in onda dal lunedì al venerdì alle 20.25.

Lunedì 19 ottobre sarà la volta di cinque nuove storie di donne di età, provenienza, carattere ed estrazione sociale diversi, raccontate dalle protagoniste stesse e dai loro figli. La lotta per l’autodeterminazione e contro gli stereotipi di genere accomuna le vite di Elda, una donna che ha deciso di diventare camionista per aiutare il marito e oggi gestisce insieme a lui una ditta di trasporti, Barbara, grande appassionata di calcio, che, dopo il matrimonio, ha dovuto abbandonare la sua passione per volontà del marito,  ma dopo il divorzio è  potuta tornare allo stadio, e Annamaria, che all’età di 70 anni, divorziata  e con due figli, ha ritrovato il suo grande amore che aveva dovuto lasciare in gioventù, e lo ha sposato. A chiudere la settimana due testimonianze di piccola imprenditoria femminile:  Susanna, imprenditrice green con 3 figli,  che, dopo anni di sacrifici e viaggi tra la famiglia a Vicenza e  l’azienda a Bologna oggi guida con successo la sua azienda. E Adriana, mamma adottiva che, dopo aver lasciato la professione di odontotecnica, oggi dirige un’azienda agricola con il supporto della figlia. 

Queste le storie della settimana:

Lunedì 19 ottobre - Elda è una donna camionista: ha iniziato questo lavoro nei primi 2000, lasciando la sua occupazione da operaia per dare una mano al marito camionista. Oggi Elda e il marito hanno una ditta di trasporti a conduzione familiare dove lavora anche la figlia, Marta, che si occupa di contabilità. Marta ha un desiderio da confessare a sua madre: vorrebbe che Elda dedicasse più tempo a fare la nonna e meno al lavoro.

Martedì 20 ottobre - Barbara ha sempre avuto una grande passione per il calcio ma ha dovuto accantonarla dopo il matrimonio. Scoperto il tradimento di suo marito con una sua amica, ha chiesto e ottenuto il divorzio, dando il “calcio d’inizio” ad una nuova vita: ha ripreso a frequentare lo stadio e grazie alla figlia Elisa – che invece odia il calcio - ha conosciuto un uomo con il quale condividere la sua grande passione per il pallone.

Mercoledì 21 ottobre- Annamaria da ragazza è stata costretta per un fraintendimento, a lasciare il suo grande amore giovanile.  Sposa un uomo dal quale ha due figli e da cui divorzia dopo 10 anni di matrimonio. La donna vive con serenità e complicità l’omosessualità del figlio Carlo e con lui sempre al suo fianco, condivide passioni e momenti importanti. E proprio Carlo riuscirà a rintracciare il giovane di cui Annamaria era innamorata in gioventù, e a organizzare il loro matrimonio.

Giovedì 22 ottobre - Susanna è donna felicemente sposata e madre di 3 figli e imprenditrice green. Per portare avanti l'azienda, che ha faticosamente costruito, ha dovuto crescere i figli “a distanza”, facendo ogni giorno la spola tra casa a Vicenza e lavoro a Bologna. Oggi con lei lavora sua figlia Alice che ha una sua start-up.

Venerdì 23 ottobre- Adriana è la mamma adottiva di Martina. La loro storia inizia con un collocamento provvisorio di una bambina con una madre problematica, che nel tempo si trasforma in adozione voluta fortemente. Intanto Adriana stravolge la sua vita e lascia la professione di odontotecnica e la Lombardia per tornare nella terra paterna, l’Abruzzo. Qui apre un'azienda agricola, con il supporto di Martina che ha sempre sostenuto la madre in questa avventura.