Rai.it
Rai

Su Rai3 "Narcotica"

Continua il viaggio sulle rotte del narcotraffico

(none)

Nel secondo appuntamento con la nuova serie di “Narcotica” che ha ripreso il viaggio sulle rotte del narcotraffico, giovedì 16 luglio alle 23.15 su Rai3, si andrà nei campi di coca e nei laboratori nascosti nella selva colombiana dove si produce il 70 per cento di tutta la cocaina mondiale. Entriamo nel Catatumbo, la regione della Colombia al confine con il Venezuela e ci addentriamo nella giungla sul Rio de Oro, dove vivono i Motilones Barì, una comunità indigena sterminata prima dai conquistadores, poi da tre compagnie petrolifere degli Stati Uniti con il sostegno del governo colombiano che li “autorizzava a difendersi dalle proteste dei selvaggi che si opponevano all’estrazione del petrolio”. I Barì sopravvivono lavorando come schiavi nei campi di coca controllati dai guerriglieri dell’Esercito di Liberazione Nazionale. “I bambini raccolgono coca fin dai 5 anni di età, sono schiavi dei narcos e di chi consuma cocaina, basti pensare che per fare una dose un bambino Barì deve lavorare per tre settimane” racconta Don Rito Alvarez che cerca di strappare quei bambini alla schiavitù del lavoro nei campi offrendogli la possibilità di studiare. Un viaggio che continua in Calabria, dal procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri, per la ricostruzione di uno dei più importanti sequestri di cocaina al mondo, ottomila chili recuperati dalla Guardia di Finanza. Narcotica è un programma di Valerio Cataldi e di Raffaella Pusceddu.