Rai.it
Rai

A "#maestri" l'Italiano burocratico e l'intelligenza artificiale "umana"

Su Rai3 a lezione da Cecilia Robustelli e Fosca Giannotti

(none)
Il “labirinto” fatto di parole della burocrazia e la prospettiva di un’Intelligenza Artificiale con caratteristiche umane: un linguaggio e un tema analizzati - tra passato e futuro – da Cecilia Robustelli e Fosca Giannotti protagoniste delle lezioni di “#maestri”, il programma di Rai Cultura condotto da Edoardo Camurri in onda giovedì 25 giugno alle 15.20 su Rai3, nell’ambito dell’accordo Rai – ministero dell’Istruzione per #lascuolanonsiferma.
Cecilia Robustelli riflette sui testi eccessivamente complessi e difficili da capire che caratterizzano il linguaggio burocratico, una serie di espressioni che, negli anni Sessanta, Italo Calvino aveva definito come una anti-lingua. Ma, almeno a partire dagli anni ’90, la situazione ha cominciato a cambiare, tra direttive sulla semplificazione e indicazioni per un uso più consapevole della lingua, sia pure con qualche resistenza.
Fosca Giannotti parte, invece, dalla domanda al centro dell’articolo scritto nel 1950 da Alan Turing, “Umana”: può una macchina fare l’Imitation Game? Può “imitare” la mente umana? Una domanda alla base degli studi sull’intelligenza artificiale, che pone – al di là di questioni tecnologiche – anche quesiti di natura etica.