Rai.it
Rai

Le storie di "Sorgente di Vita" su Rai2

L'emozione dei fedeli che tornano nelle sinagoghe

(none)
Appuntamento con “Sorgente di vita”, domenica 24 maggio alle 8.30 su Rai2 e, in replica, martedì 26 maggio all'1.55. Nei giorni scorsi le sinagoghe italiane hanno riaperto le loro porte come gli altri luoghi di culto. Nelle città ancora in bilico tra normalità e quarantena, gli ebrei hanno potuto incontrarsi di nuovo per le funzioni quotidiane:  le emozioni dei fedeli che rientrano nel Tempio per la prima volta dopo l’isolamento e il significato della preghiera collettiva, momento fondamentale della giornata e della vita ebraica in una  riflessione del Rabbino Capo di Roma Riccardo Di Segni.
Israele ha finalmente un nuovo governo: dopo quasi un anno e mezzo di crisi la Knesseth, il Parlamento israeliano, con settantatré voti a favore e quarantasei contrari ha dato il via al trentacinquesimo governo del paese. Un esecutivo di emergenza e di unità nazionale nato dall’alleanza tra il Likud di Benyamìn Netanyahu e Kachol lavan, Blu e bianco, di Benny Gantz, con i due leader che si daranno il cambio. Un governo con 36 ministri, che vede la presenza di molte forze giovani, ma che dovrà affrontare molte sfide, dalla crisi economica prodotta dalla pandemia ai problemi di politica internazionale.
Una riscoperta nei lunghi giorni della quarantena: il pane fatto in casa. Dagli albori della civiltà ai giorni nostri il pane è un simbolo straordinario in ogni cultura e religione. Nel racconto della Torah, la Bibbia ebraica, è il cibo ideale, nutrimento per eccellenza, sia che venga dalla terra, frutto dell’opera dell’uomo, sia che scenda dal cielo, come la manna, per volere divino. Tra le focacce azzime della Pasqua ebraica e il soffice pane del sabato, una serie di spunti di riflessione del rabbino Shalom Hazan.
Shavuoth, festa delle settimane, festa del raccolto e delle primizie: legata alle antiche usanze agricole dell'ebraismo, è soprattutto il ricordo del dono della Torah, la Legge data da Dio a Mosè sul monte Sinai, “primizia” di ogni fondamento morale. Quest'anno cade il 29 maggio, che corrisponde al 6 del mese ebraico di Sivan. Una riflessione con il Rabbino Pierpaolo Pinhas Punturello.