Rai.it
Rai 4

Narcos: Mexico

In prima visione l'attesissima serie sul Cartello messicano di Guadalajara

(none)
Prosegue l’epopea seriale nel mondo del narcotraffico: arriva su Rai4, dal 29 febbraio ogni sabato alle 21.20, in prima visione Narcos: Mexico, lo spin-off della serie cult Narcos incentrata sulla nascita del Cartello messicano di Guadalajara. Creata da Carlo Bernard e Doug Miro, già tra gli autori della serie-madre, Narcos: Mexico è ambienta negli anni ’80 e segue l’ascesa di Félix Gallardo, ex poliziotto che è passato dalla parte del crimine agendo da tramite tra i produttori colombiani e il mercato statunitense degli stupefacenti. Supportato dalle alte sfere governative, Gallardo e i “colleghi” Rafael Caro Quintero ed Ernesto Fonseca Carrillo, danno vita al Cartello di Guadalajara, una federazione che riunisce i principali trafficanti messicani di marijuana ed eroina e che in brevissimo tempo è arrivata a dominare tutte le attività illecite legate agli stupefacenti. A dare la caccia a Gallardo c’è Enrique “Kiki” Camarena, agente DEA californiano di origini messicane che viene mandato, insieme alla sua famiglia, a Guadalajara per indagare sulla crescente rete di narcotraffico. 
Narcos: Mexico “incontra” in diverse occasioni la serie-madre e mostra nel cast in piccoli ruoli o cammei anche personaggi visti in Narcos. I ruoli principali sono affidati a Diego Luna, che interpreta uno spietato e credibilissimo Félix Gallardo, e Michael Peña, che veste i panni dell’agente DEA Camarena. Narcos: Mexico ha ottenuto un ottimo successo di pubblico e critica, totalizzando l’87% di recensioni professionali positive su Rotten Tomatoes, ma alla sua fama è anche legato un triste fatto di cronaca: il 15 settembre 2017 l’assistente di produzione Carlos Muñoz Porta è stato assassinato e ancora oggi non si conosce l’identità dell’omicida, anche se la polizia ha seguito la pista di alcune gang criminali, creando così un tragico parallelismo con i fatti raccontati nella serie.