Rai.it
Rai 5

Divini devoti

I Padri minimi di San Francesco di Paola nella Chiesa della Trinità dei Monti

(none)
I Minimi costituiscono un ordine religioso di fama minore rispetto ai grandi ordini mendicanti medievali, ma sono stati molto incisivi nella realtà della Roma moderna e nel nuovo universo cristiano. Lo spiega l’ottavo episodio della serie “Divini devoti”, in onda mercoledì 4 dicembre alle 18.45 su Rai5, che ripercorre la storia di questo ordine attraverso le opere conservate nella chiesa della Trinità dei Monti. Lo storico Claudio Strinati visita anche il convento adiacente alla chiesa, la celebre scalinata di Piazza di Spagna e la vicina Accademia di Francia. 
Francescani, Domenicani, Benedettini, Filippini, Gesuiti: nella serie “Divini devoti”, lo storico dell’arte Claudio Strinati racconta i grandi ordini religiosi, dall’interno delle loro chiese più rappresentative. La serie, in dieci puntate, va alla scoperta di chiese e abbazie che conservano una miriade di opere d’arte, maggiori e minori, che permettono di compiere una vasta ricognizione storica e meditazioni rilevanti per una migliore comprensione della “coscienza dell’Occidente”. Questi grandi ordini religiosi infatti sono protagonisti di una lunga vicenda artistica che ci permette di raccontare anche altre realtà: la storia propriamente detta, la filosofia, la religione, le arti figurative, l’evoluzione della mentalità. A parlare in ogni puntata, sono i responsabili delle chiese che ne vivono la quotidianità e i problemi pratici o teorici, gli studiosi delle opere d’arte, gli architetti, gli artisti, gli esperti di diverse discipline. Accanto a celebri dipinti e sculture del passato, vengono visitate e discusse anche opere che non sono state quasi mai oggetto di illustrazione televisiva. Il programma ha ottenuto il patrocinio del Fec – Fondo Edifici di Culto – del Ministero dell’Interno.