Rai.it
RAI

La violenza contro le donne nel racconto dei media

Un convegno per riflettere sull'importanza delle parole, organizzato dalle CPO Rai e Usigrai

(none)
In occasione della “Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”, la Commissione Pari opportunità Rai e la Commissione Pari Opportunità Usigrai inviteranno lunedì 25 novembre tutte le dipendenti e i dipendenti al Convegno “La violenza contro le donne nel racconto dei media” che si terrà in Sala Arazzi alle ore 11.30. L’iniziativa è volta a riflettere sul linguaggio utilizzato per descrivere o informare sulle tragedie all’ordine del giorno di cui le donne sono vittime. Introdurrà Mussi Bollini, Vice direttrice Rai Ragazzi e Presidente CPO Rai, e saranno presenti Elena Bonetti, Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, e il Presidente Rai Marcello Foa. Il dibattito sarà moderato dal giornalista Giancarlo Loquenzi.  Parteciperanno all’incontro, Franca Leosini (conduttrice tv), Matilde D’Errico (conduttrice tv), Ilaria Sotis (conduttrice radiofonica), Paola Grauso (giornalista tv), Mariella Zezza (giornalista tv), Monica Pietrangeli (Presidente CPO USIGRAI) e Giovanni Scatassa (Vice Direttore Marketing Rai): quest’ultimo presenterà le attività di ricerca e i relativi risultati ottenuti dalla Rai per contrastare la violenza contro le donne. Il convegno, chiuso dall’Amministratore Delegato Rai Fabrizio Salini, sarà trasmesso in streaming su RaiPlace per dare modo a tutti i dipendenti di seguire l’incontro.
Sulla pagina dedicata all’evento su RaiPlace, sono anche  disponibili estratti del Codice Etico, del Contratto di Servizio, delle Norme Antimolestie e della Policy di Genere utili per approfondire il tema in preparazione alla giornata. Sulla medesima pagina saranno condivise, a partire dalla mattina del 25 novembre, le opere delle colleghe e dei colleghi che hanno voluto dare, attraverso diverse forme d’arte, il loro contributo alla Giornata partecipando alla mostra virtuale collettiva “La violenza contro le donne… secondo me”.