Rai.it
Rai

L'omaggio di Rai Cultura a Valentina Cortese

Su Rai5 e Rai Storia il ritratto di una delle più grandi attrici italiane

Per rendere omaggio a Valentina Cortese, una delle più grandi attrici italiane scomparsa oggi, e ripercorrerne la vita artistica, Rai Cultura cambia parte della programmazione di Rai Storia e Rai5. In particolare, questa sera alle 20.45 e giovedì 11 luglio alle 11.30 e alle 18.30, Rai Storia propone “Valentina Cortese. La diva divina”. E’ un ritratto della sua carriera, dei suoi sentimenti, e dei successi con i più grandi registi cinematografici e teatrali: da Fellini in “Giulietta degli spiriti”, a Truffaut con “Effetto notte” e Franco Zeffirelli che la dirige nel ruolo della madre di Francesco nel film “Fratello sole, sorella luna” e poi nel 1977 nello sceneggiato televisivo “Gesù di Nazareth” come Erodiade. L’incontro con Giorgio Strehler e con il “Piccolo” di Milano segnerà un crescendo di memorabili interpretazioni e successi da “I giganti della montagna” di Pirandello nel 1966 a “Il Giardino dei ciliegi” di Cechov nel 1973. Ed è proprio l’ultimo capolavoro di Cechov - firmato alla regia da Giorgio Strehler al Piccolo Teatro di Milano e interpretato da Valentina Cortese nel ruolo di Liuba - quello che Rai5 propone questa sera alle 21.15 e giovedì 11 luglio alle 15.45. L'opera, rappresentata per la prima volta nel 1904, si dipana intorno ad una proprietà messa all’asta per riuscire a pagarne l'ipoteca. I proprietari, una famiglia aristocratica ormai decaduta, con inspiegabile apatia e contro ogni consiglio, si astengono dal compiere qualunque tentativo per conservare la tenuta. Il destino del giardino dei ciliegi appare già segnato: la proprietà sarà venduta e consegnata all’oblio.  
L’omaggio di Rai Cultura a Valentina Cortese si conclude “Ieri e oggi”, in onda giovedì 11 luglio alle 15.00 su Rai Storia. Nella puntata Enrico Maria Salerno ospita in studio Mariangela Melato e Valentina Cortese che ripercorre la sua straordinaria carriera: dalla sua partecipazione al programma “Music Rama” del 1967 a “Teatrino di città e dintorni” in cui la Cortese canta e recita (in dialetto milanese) con il figlio, fino alle esperienze professionali che maggiormente hanno segnato la sua carriera, come l’incontro con Giorgio Strehler.