Rai.it
Rai Storia

Passato e Presente

Comandante Che Guevara

Medico argentino, guerrigliero rivoluzionario, Guevara è stato un mito del ventesimo secolo. Il suo volto immortalato dal fotografo cubano Alberto Korda è diventato un’icona fra le più famose al mondo. Un personaggio analizzato da Paolo Mieli con il professor Ernesto Galli Della Loggia nell’appuntamento con “Passato e Presente”, il programma di Rai Cultura in onda domenica 6 ottobre alle 20.30 su Rai Storia. Nato nel 1928, a Rosario, in Argentina, il medico Ernesto Guevara si unisce a Fidel Castro a metà del 1950, diventando presto il suo fidato braccio destro. Insieme, guidano la vittoriosa rivoluzione cubana. Dopo il 1965, lascia Cuba per portare la scintilla della rivoluzione in altri paesi, prima nell’ex Congo Belga poi in Bolivia. Catturato e condannato a morte dalle autorità boliviane il 9 ottobre 1967, fu giustiziato nella città di La Higuera e seppellito all’Avana 30 anni dopo, il 17 novembre 1997, quando i suoi resti furono ritrovati sulle Ande boliviane. Nella storia del “Che” ci sono i caratteri originari del ‘900: la sua eterna giovinezza, categoria concettuale che percorre l’intero ‘900; la lotta armata e l’uso politico della violenza che ha caratterizzato l’intero Occidente fino all’epilogo sul finire degli anni ’70; la passione politica, con il rifiuto delle ragioni dell’economia, di ogni concezione deterministica della storia, di tutte le categorie legate alla produttività e al mercato; la ricerca dell’“uomo nuovo”, orizzonte di tutte le utopie politiche novecentesche.