Rai.it
Rai Radio 3

Radio3Mondo

A letto senza cena

“Il governo dell’allegria e del cambiamento” come lo aveva definito l’attuale presidente Mauricio Macri nel giorno della vittoria, nel 2015, ha invece riproposto una formula che il popolo argentino ha purtroppo subito spesso nella sua storia: immiserimento e fame. La povertà è al 34%, le persone senza fissa dimora sono aumentate esponenzialmente, al punto che il governo le ha accusate di “essere pagate per dormire per strada al freddo” e far fare brutta figura all’Esecutivo. I prezzi – da sempre sotto lo scacco dell’inflazione – ormai sono incontrollabili e cambiano da un giorno all’altro. La formula per cambiare il paese non è stata poi così innovativa: di nuovo indebitamento esterno, di nuovo il paese nelle mani del Fondo Monetario Internazionale. Tutto ciò che era stato affermato all’indomani della vittoria, è stato contraddetto e disatteso. Per questo la maggioranza dell’Argentina, anche coloro che avevano votato Mauricio Macri perché stanchi della dinastia Kirchner, ha deciso di non appoggiare nuovamente il suo governo. Alla crisi economica, e quindi dei consumi, si somma quella alimentare: sempre più famiglie, anche di classe media, sono costrette a rinunciare ad almeno un pasto al giorno e a mandare i bambini a letto “leggeri, così si dorme meglio”. Intanto il candidato oppositore Alberto Fernandez, ex capo di Gabinetto del governo di Nestor Kirchner nel 2003, quando dovettero risollevare il paese da un altro default causato dalle politiche neo liberali dell’ex presidente Carlos Menem, continua la campagna elettorale per le elezioni del 27 ottobre. Alle primarie dello scorso agosto, ha vinto con il 15% di vantaggio e un’affluenza alle urne che ha superato il 70 per cento.

Domani, venerdì 6 settembre alle 11 su Rai Radio3 Anna Maria Giordano ne parla a "Radio3Mondo" con Roberto Da Rin, giornalista de Il Sole24ore esperto di America Latina e con Paolo Galassi, giornalista freelance residente a Buenos Aires da dieci anni. Inoltre le Interferenze di Andrea Borgnino ci porteranno nel mondo delle radio argentine.