Rai.it
Rai 3

Doc 3

Arrivederci Saigon

(none)

A "Doc 3" in onda giovedì 8 agosto alle 23.50 su Rai3, si fanno chiamare “Le Stars” e hanno il look tipico delle ragazze beat degli anni Sessanta. Sono Rossella, Viviana, Daniela, Franca e Manuela, una delle poche girl band italiane dell’epoca. Formano il gruppo nel 1967 e ottengono subito un discreto successo. Suonano bene e la cantante Rossella ha una bella voce, calda e roca. Sono giovanissime e vengono tutte dalla provincia industriale toscana,  la provincia rossa d’Italia, quella delle case del popolo e del PCI.

Ricevono un’offerta che non si può rifiutare: una tournée in Estremo Oriente: Manila, Hong Kong, Singapore. A Manila, però, le cinque ragazze scoprono la verità: la loro vera destinazione è il Vietnam e il loro nuovo pubblico i soldati delle basi militari. Le Stars non hanno i soldi per il volo di ritorno e si ritrovano così su un aereo militare diretto a Saigon.

Mentre le famiglie le credono in Oriente a mietere successi, le ragazze conoscono la guerra e i giovani americani costretti a combatterla, a volte senza capirla. Imparano a suonare il soul, la musica dell’anima tanto amata dai soldati neri. È soprattutto per loro, per i giovani soldati afroamericani che affollano le prime linee più dei bianchi, che Le Stars suonano durante i tre mesi della loro avventurosa tournée in Vietnam. Il ritorno in Italia, però, è amaro. Per le famiglie, gli amici, i compagni della sezione del Pci, gli studenti protagonisti del ’68, le Stars sono da emarginare. Per chi ha suonato per gli yankees non c’è nessuna pietà. E così la storia della loro tournée fra Saigon e le basi americane è rimasta sepolta per cinquant'anni, quasi come una colpa di cui è meglio dimenticarsi. Fra un film e l’altro Wilma Labate gira molti documentari. 

Tra gli ultimi lavori “Raccontare Venezia”, “Le navi dei veleni” e “Qualcosa di noi”, storia dell’incontro tra una prostituta e un gruppo di giovani aspiranti scrittori. Tra i lungometraggi ricordiamo “La mia generazione “Domenica”  e “signorinaEffe”