Rai.it
Rai 5

Di là dal fiume e tra gli alberi

I porti dell'Argentario

(none)

Il Monte Argentario è allo stesso tempo due cose: isola e terraferma. Qui i detriti trasportati dai fiumi hanno abbracciato quella che un tempo era una montagna seduta in mezzo al mare e l’hanno per sempre legata alla costa. È forse per questo che tutto qui vive di una continua mescolanza tra acqua e terra. Lo racconta il doc di  Michele Alberico per la serie “Di là dal fiume e tra gli alberi”, in onda venerdì 16 agosto alle 20.25 su Rai5. È così per Porto Santo Stefano, letteralmente abbarbicato sulla montagna davanti a una serie di piccole baie, è così per Porto Ercole con i suoi Fortilizi Spagnoli risalenti all’epoca dello Stato dei Presidi, tempi lontani in cui qui venivano fuorilegge e senzadio a cercar fortuna e in cui approdò anche il Caravaggio. È così anche per la Maremma, che butteri e cacciatori non hanno mai smesso di popolare dal lago di Burano su fino a Capalbio, che dall’alto di una montagnola estende il suo sguardo fino alla sua marina e ai suoi Lidi incontaminati. Chilometri di spiaggia che arrivano fino alla laguna di Orbetello, che come l’ombelico di questo piccolo mondo, vive una vita sospesa tra passato e presente.