Rai per il sociale

Rai per il sociale nasce come progetto di riassetto e di coordinamento di tutte le attività realizzate e promosse dal gruppo Rai nel campo del sociale e che da sempre si accompagnano alla storia e alla tradizione dell’Azienda.

Rai per il sociale è un punto di ascolto e di raccolta che accoglie le sollecitazioni di vari soggetti istituzionali, delle associazioni di categoria e del terzo settore. Un luogo per non dimenticare i settori e le categorie più sensibili del paese (anziani, infanzia, disabili, detenuti, migranti, disoccupati, donne vittime di violenza) nel costante tentativo di non lasciare indietro nessuno.

Rai per il sociale raccoglie tutte le iniziative del Servizio Pubblico che a vario titolo e da diverse prospettive affrontano i temi del sociale, dell’inclusione e della coesione nazionale. Consulta il Progress Sociale (Anticipazione e Consuntivi)

Rai per il sociale pone le informazioni rilevanti per l’opinione pubblica e per la collettività, al centro dell’offerta complessiva del Gruppo, rendendo più agevole l’accesso ai contenuti.

È questo un dovere del Servizio Pubblico: offrire uno spazio di conoscenza, di confronto e di attività tanto all’interno che all’esterno della Rai.

Il network di Rai per il sociale

Riferimenti utili

Raccolte fondi, campagne per il sociale e iniziative di sensibilizzazione

La struttura Responsabilità Sociale Rai, parte della Direzione Relazioni Istituzionali, ha la responsabilità aziendale della comunicazione e della programmazione sociale in riferimento al contratto di servizio fra Rai e Ministero dello Sviluppo Economico.
Scopri i progetti in corso: campagne Rai per il sociale, trasmissioni con pubbliche raccolte di fondi e iniziative di sensibilizzazione 

Sottotitoli, audiodescrizioni e offerta in lingua dei segni (LIS)

In Rai, la Direzione Pubblica Utilità presidia e sviluppa per tutte la programmazione Rai progetti e prodotti correlati all'accessibilità: sottotitoli per non udenti, servizi in LIS (lingua dei segni), audiodescrizioni, disponibili agli utenti sulla messa in onda tv e su RaiPlay.
Cura, inoltre, Rai Easy Web, il sito Rai Accessibilità per le disabilità sensoriali.
All’interno del sito è possibile trovare un accesso diretto alla programmazione on demand audiodescritta, sottotitolata e in LIS disponibile su piattaforme Rai, oltre a contenuti appositamente pensati o selezionati per il pubblico con difficoltà della vista o dell’udito, come opere multimediali, libri elettronici e audiovideogiochi.

Numerosi i titoli disponibili con sottotitoli su RaiPlay, tra fiction e programmi di informazione, intrattenimento e istruzione per grandi e piccini: ecco l’archivio dei programmi sottotitolati on demand.

Novità 2020, la partenza di una produzione web, disponibile su RaiPlay, dedicata a programmi di grande richiamo tradotti in Lingua dei Segni (eventi musicali, programmi per la scuola, cartoni animati) e la raccolta delle edizioni dei Tg LIS in schede giornaliere: qui l’archivio delle trasmissioni in LIS.

Storico e sempre in espansione, l’archivio di audiodescrizioni on demand relative a film, fiction, soap opera e programmi, con una sezione dedicata ai bambini.

Inoltre, le dirette streaming di Rai1 e Rai3 sono disponibili su RaiPlay anche con un secondo flusso audio dedicato alle audiodescrizioni. Il servizio è attivo in base alla programmazione di palinsesto disponibile con audiodescrizioni. Consulta il palinsesto

 

Bilancio sociale e sostenibilità

La Struttura Bilancio Sociale,  posta a diretto riporto dell'Amministratore Delegato, predispone annualmente il documento Bilancio Sostenibile / DNF del Gruppo Rai, utile strumento di dialogo con gli stakeholder istituzionali e non, che raccoglie informazioni e fornisce chiavi di lettura sull'attività svolta nell'anno dal Servizio Pubblico, per contribuire fattivamente allo sviluppo sostenibile dell'intero sistema Paese.

 

Gradimento della programmazione

I monitoraggi sulla figura femminile nella programmazione Rai, il Qualitel, la Coesione sociale e il Pluralismo nella programmazione: questi temi, tra gli altri, al centro delle ricerche e dei report curati dalla Direzione Marketing Rai.

 

Ufficio studi Rai

Tra le attività di studio in corso di realizzazione nel 2020 si segnala il progetto “Coesione sociale”. La ricerca si inserisce nel contesto delle prescrizioni contenute nel Contratto di servizio 2018 – 2022 ed è volta ad arricchire il framework teorico e la strumentazione tecnico-metodologica dell’Azienda in tema di coesione sociale, con l’obiettivo di ampliare la gamma di possibilità per effettuare il monitoraggio previsto dallo stesso Contratto di servizio e realizzato dalla Direzione Marketing.

La metodologia della ricerca è basata sul benchmarking internazionale e nazionale di mission e best practices adottate da Public Service Media ed altri attori in relazione alla coesione sociale. La ricerca è condotta in partnership con ISTAT - Istituto nazionale di statistica; Università Luiss “Guido Carli”- Centre for Conflict and Participation Studies del Dipartimento di Scienze politiche; dott.ssa Antonia Carparelli, Consigliere per la governance economica della Rappresentanza in Italia della Commissione europea.

Benchmarking, partnership ed adozione di best practices internazionali

Attraverso la Direzione Relazioni Internazionali ed Affari Europei, Rai monitora le iniziative adottate all’estero dalle emittenti di servizio pubblico e dalle organizzazioni internazionali in favore delle fasce di popolazione più vulnerabili o a sostegno della diversità e dell’inclusione.

Le Relazioni Internazionali mutuano, quindi, le prassi più innovative, veicolandole all’interno dell’azienda e favoriscono la partecipazione delle strutture aziendali competenti a progetti di cooperazione multilaterale e di respiro internazionale.

La rappresentanza di Rai all’interno di associazioni internazionali di categoria di broadcaster di servizio pubblico (EBU-European Broadcasting Union, ABU-Asia-Pacific Broadcasting Union, TAL-Televisión América Latina, AUB-African Union of Broadcasting, ASBU-Arab States Broadcasting Union, CIRCOM-European Association of Regional Television, COPEAM-Conferenza Permanente dell’Audiovisivo Mediterraneo), assicura lo scambio di informazioni, linee guida e contenuti ma anche la valutazione di standard attraverso attività di benchmarking con altre Public Service Media companies. Ciò al fine di garantire che l’attenzione alle categorie svantaggiate e le iniziative promosse nel campo del sociale siano il più possibile aggiornate ed allineate alle best practices internazionali.

La Comunicazione, la Promozione e la Creatività Rai al servizio del sociale

La Rai supporta il terzo settore anche attraverso l’ideazione e la realizzazione di piani e progetti integrati di comunicazione, con l’obiettivo di valorizzare e portare all'attenzione del grande pubblico le speciali iniziative di istituzioni, enti e tante altre realtà da sempre attive nel campo del sociale o comunque a vario titolo impegnate in finalità civiche, solidaristiche e di pubblica utilità.

- Ufficio Stampa Rai - Leggi gli ultimi comunicati
Archivio promo sui temi del sociale curati da Direzione Creativa Rai