Reazioni avverse

PUNTATA DEL 17/04/2017

AGGIORNAMENTO DEL 24/04/2017

Una precisazione sul tiro incrociato a cui è stato sottoposto Report in questa settimana: riguarda il tema che abbiamo trattato lunedì scorso, quello sul vaccino che rende innocuo il papilloma virus che è importante perché previene alcune forme di tumore al collo dell’utero.

Leggi Tutto

Il papilloma virus (HPV) è stato collegato all’insorgere del tumore al collo dell'utero. Per prevenirlo l’Italia è stata il primo paese in Europa ad introdurre il vaccino anti-papilloma virus, tra i più costosi in età pediatrica. Le nostre autorità sanitarie hanno potuto contare su una valutazione positiva dell’Agenzia Europea del Farmaco, che ha dichiarato sicuro questo tipo di vaccini. Ma le segnalazioni sui possibili danni causati dal vaccino anti HPV sono state correttamente valutate? Se lo chiede un team di ricercatori indipendenti danesi della rete “Cochrane Collaboration”, che ha presentato un reclamo ufficiale a Strasburgo. L’accusa è contro l’Agenzia Europea del Farmaco: avrebbe sottovalutato le reazioni avverse e ci sarebbero anche dei conflitti d’interesse che non sono stati dichiarati.





PRECISAZIONE DEL 24/04/2017

Reazioni avverse - Aggiornamento del 24/04/2017

Due precisazioni sul tiro incrociato a cui è stato sottoposto Report in questa settimana: riguarda il tema che abbiamo trattato lunedì scorso, quello sul vaccino che rende innocuo il papilloma virus che è importante perché previene alcune forme di tumore al collo dell’utero. Abbiamo detto che si tratta di un vaccino utile, che l’inchiesta non era contro l’utilità dei vaccini, abbiamo anche detto che il vaccino è la più grande scoperta in tema di prevenzione degli ultimi 300 anni, e abbiamo anche specificato che il tema era quello della farmacovigilanza e cioè dei casi anche di reazioni avverse. Nonostante tutto questo è passato il contrario, è passato come se fosse un’inchiesta contro i vaccini. C’era chi aveva capito bene, chi aveva capito male, chi ha giudicato senza neppure vedere. Bene, se siamo stati fraintesi la responsabilità è anche mia perché forse evidentemente siamo stati poco chiari. Però questo non era vero, ribadisco l’utilità del vaccinarci. Però, attenzione, avevamo posto due questioni: i casi, i numeri di reazioni avverse al vaccino, perché non collimano tra quelli denunciati dalle regioni e quelli presentati dall’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco e poi perché non è stato possibile per alcuni pazienti che hanno avuto quelle reazioni avverse denunciare entro 36 ore dai medici alla farmacovigilanza dell’Aifa come richiede la