il giro d'italia

25-05-2019 19:54

Rischio slavine, salta il Gavia

il giro d'italia

25-05-2019 19:54


Rischio slavine, salta il Gavia

"E' previsto un peggioramento del meteo"


"Abbiamo deciso, alla luce delle risultanze meteo dei prossimi giorni che danno un peggioramento e visto cosa ci dicono i meteorologi della Lombardia, che non potremo fare il Gavia. C'è il rischio slavine".

Lo ha detto il direttore del Giro d'Italia, Mauro Vegni, in vista 16ª tappa, di martedì 28 maggio, da Lovere (Bg) a Ponte di Legno (Br), lunga 226 km. La frazione prevedeva il Gavia, Cima Coppi.

"La tappa - ha aggiunto Vegni - subirà un cambiamento sostanziale: abbiamo inserito la salita di Cevo, poi si passerà da Mazzo, infine si tornerà verso Edolo. Faremo l'Aprica dalla parte dura, ovvero dall'interno del paese, ma si farà il Mortirolo come previsto e si arriverà quindi a Ponte di Legno, che non avrà dunque il doppio passaggio. La tappa risulterà più corta, e dunque di 190 km, con un dislivello di 4.800 metri. Sarà una frazione comunque dura".

"Le autorità locali, che ringrazio, hanno fatto il possibile per sgomberare la strada, ma francamente era impossibile far passare la corsa", ha aggiunto Vegni. "Non ho mai detto che avremmo fatto per due volte il Mortirolo - ha sottolineato il direttore del Giro d'Italia -. A questo punto la Cima Coppi diventa il Passo Manghen, più basso dell'arrivo a Ceresole Reale, ma il premio che verrà assegnato non può essere retroattivo".