19/05/2024
23/11/2009

Le verità
di Dallas

A quarantasei anni esatti dall'uccisione di JFK un filmato restaurato ci offre l'ombra di un uomo che potrebbe essere Oswald

Sono passati 46 anni dall'uccisione di John Fitgerald Kennedy e l'omicidio resta uno dei grandi misteri della storia del Novecento. Domani, anniversario della morte, il National Geographic Channal, trasmetterà le immagini restaurate girate a Dallas il 22 novembre del 1963, giorno dell'omicidio dell'allora Presidente degli Stati Uniti, tanto amato dagli americani.

Nel fotogramma trasmesso dal National Geographic è possibile vedere una figura di un uomo che somiglia a Lee Harvey Oswald, presunto assassino di JFK, dietro una finestra, da cui si pensa partirono i colpi che uccise il presidente. "Grazie al restauro si intravede una figura dietro alla finestra da cui partirono i colpi. Io penso sia quella di Oswald", dice Tom Jennings, produttore esecutivo del documentario "The Lost JFK Tapes".

John Fitzgerald Kennedy fu assassinato dopo appena tre anni di presidenza e tutto lascia credere che si sia trattato di un complotto orchestrato, con grande perizia, in quelle sfere che detengono il vero potere.  I motivi restarono del tutto oscuri e qualcuno parlò di un altro complotto, per sbarrare la strada della politica ai Kennedy per sempre.

Dopo decenni di indagini la verità non è ancora venuta a galla, sia in merito agli esecutori, sia in merito ai reali mandanti. Kennedy morì a Dallas, mentre era in auto accanto alla moglie Jacqueline.