22/05/2024
21/10/2011

La Libia festeggia
L'Onu apre un'inchiesta

Le nuove bandiere del Paese sventolano per le strade e per le piazze, mentre la folla festante grida e spara colpi in aria. A Sirte i combattenti ballano, tenendo in mano la pistola d'oro che a loro dire apparteneva a Gheddafi. Ma è giallo sulla morte del figlio del raiss Saif al Islam.

Il raìs è stato ucciso e la guerra in Libia si avvia a conclusione. Le circostanze della morte però non sono ancora state chiarite: secondo il portavoce ufficiale del Consiglio nazionale di transizione a Bengasi, Abdel Hafez Ghoga, "è stato ucciso dai rivoluzionari". 

All'attacco avrebbero partecipato anche droni americani e nel corso della retata sarebbero stati distrutti alcuni veicoli, incluso quello su cui viaggiava Gheddafi inseguito dalle jeep del Cnt che avrebbero aperto il fuoco sul Colonnello e le sue guardie del corpo. Ma è ancora mistero sulla sorte di Saif al-Islam, figlio secondogenito e delfino del colonnello Muammar. Dopo il rincorrersi di notizie contrastanti diffuse ieri dai media arabi circa la sua cattura e uccisione, in tarda serata il Cnt ha fatto sapere di non avere notizie ufficiali sul suo conto.

E' certo che Saif Gheddafi fosse a Sirte insieme al padre che è riuscito a fuggire con un convoglio diretto verso il sud della Libia. Mentre sembra confermata la morte di un altro figlio di Gheddafi, Muttasim.

Intanto in Libia è festa. Le nuove bandiere del Paese sventolano per le strade e per le piazze, mentre la folla festante grida e spara colpi in aria. A Sirte i combattenti ballano, tenendo in mano la pistola d'oro che a loro dire apparteneva a Gheddafi.

Sul piano internazionale, il segretario generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen, afferma: "La missione della Nato in Libia finirà d'accordo con l'Onu ed il Cnt e ora il momento è molto più vicino". "La Nato e i suoi partner - aggiunge Rasmussen - hanno compiuto con successo lo storico mandato delle Nazioni Unite. Dopo 42 anni il regime di paura del colonnello Gheddafi è finalmente arrivato alla fine, ora la Libia può voltare pagina".

Insomma, siamo alla fase del "missione compiuta". In seguito alla morte di Gheddafi e alla conquista di Sirte, la Nato si appresta a chiudere le operazioni in Libia. La decisione sarà discussa già oggi sul tavolo del Consiglio Atlantico. E dopo le parole di Rasmussen e quelle di Obama ("la missione della Nato in Libia finirà presto") in molti scommettono sull'annuncio ufficiale della fine dell'operazione Unified Protector.