21/05/2024
23/10/2011

Terremoto in Turchia
Molte le vittime
DIRETTA TV

Una forte scossa di terremoto, 7.2 gradi della scala Richter, ha colpito nella tarda mattinata la provincia orientale turca di Van. Le vittime potrebbero essere oltre 1000

E' nel primo pomeriggio, ancora caldo ed assolato, che la terra comincia a tremare. I cittadini di Van, nell'est della Turchia, si riversano in strada. La scossa è stata potente, 7.3 della scala Richter. In una zona sismica attraversata da importanti faglie e dove gli edifici non sono, ancora oggi, costruiti a norma il disastro è quasi annunciato.

Bastano pochi minuti agli abitanti per rendersi conto della gravità della situazione. Una quarantina di edifici di diversi piani interamente crollati, tra i quali anche un ostello. Non c'è tempo per aspettare i soccorsi, la gente scala quelle montagne di macerie per scavare a mani nude.
 
L'epicentro è stato localizzato ad una quindicina di chilometri a nord est di Van, e ad una profondità di 20 chilometri. In quella zona, montagnosa e rurale al confine con l'Iran, non c'è più né elettricità né linee telefoniche, i soccorsi sono soprafatti. Le notizie giungono col contagocce. Sarebbero più di mille gli edifici danneggiati.
 
Il colpo di grazia arriva dal capo dell'istituto sismologico: i morti potrebbero essere oltre 1000. I primi corpi vengono estratti dai detriti quasi subito e l'ospedale di Van conta già 50 vittime, in una cittadina vicina ce ne sono invece trenta. Ma è solo l'inizio e le previsioni del centro sismologico rischiano di essere reali.

“Mancano tende e squadre di soccorso”, questo il primo disperato appello delle autorità. Anche il premier Erdogan si trova già sui luoghi della tragedia, segno che la sciagura è importante.

Eppure la Turchia sa di essere a forte rischio sismico. Decine di migliaia i morti negli ultimi dieci anni in una sequenza spaventosa di terremoti. Ma il passato evidentemente non ha insegnato nulla.



Clicky