20/05/2024
28/09/2010

Frana in Messico
almeno 600 morti

Travolte 300 case di una cittadina nell'ovest del Paese, Santa Maria Tlahuitoltepec. Si teme che diverse centinaia di persone siano state seppellite

Una frana ha travolto un paesino del Messico. Centinaia di persone potrebbero essere rimaste sepolte vive dalla marea di fango che si è staccata dalla montagna.

Il villaggio di Santa Maria di Tlahuitoltepec, a quattro ore da Oaxaca, è stato travolto nella notte da un fiume di fango a causa delle piogge incessanti degli ultimi giorni. I soccorsi sono difficilissimi. Squadre dell'esercito hanno già raggiunto la zona insieme a un centinaio di soccorritori di diversi organismi pubblici, e anche il personale medico. Tuttavia, precisano i media messicani, in queste ore è molto difficile raggiungere la zona, in gran parte rimasta isolata proprio a causa delle piogge.
Il governatore, Ulises Ruiz, ha dichiarato che le case travolte sono tra 100 e 300 e si temono 500-600 morti.

Oltre alla disastrosa frana della montagna, quattro fiumi sono usciti dagli argini, si calcolano 20mila persone colpite dalle inondazioni, e circa 5 mila case danneggiate dall'acqua nell'Oaxaca dove piove ininterrottamente da 12 giorni per il passaggio delle tempeste tropicali Karl e Matthew.

E la situazione è difficile anche in Colombia, dove almeno una trentina di persone sono rimaste sepolte da una frana caduta su una strada del dipartimento di Antiochia. «Finora non abbiamo recuperato nessun corpo, anche perché le piogge che continuano provocano ancora smottamenti di terra», ha detto il sindaco di Giraraldo, Luis Argiro Manco.