23/05/2024
12/04/2011

Grado 7
Fukushima
come Chernobyl

Speravamo tutti non sarebbe mai più accaduto, ma ormai era nell’aria da giorni, Fukushima come Chernobyl. Lo hanno ufficializzato gli esperti dell'agenzia giapponese per la sicurezza nucleare, che hanno alzato a 7, il livello massimo, la classificazione dell’incidente nucleare di Fukushima

Speravamo tutti non sarebbe mai più accaduto, ma ormai era nell’aria da giorni, Fukushima come Chernobyl. Lo hanno ufficializzato gli esperti dell'agenzia giapponese per la sicurezza nucleare, che hanno alzato a 7, il livello massimo, la classificazione dell’incidente nucleare di Fukushima, la centrale più colpita dal terremoto/tsunami che il mese scorso ha devastato il Nord-Est del Giappone.

Il timore è che le cose possano ulteriormente peggiorare: “la perdita radioattiva non si è ancora arrestata completamente - ha detto ai giornalisti un funzionario della Tepco - e la nostra preoccupazione è che possa anche superare Chernobyl".

I responsabili della società che gestisce la centrale tengono a precisare che al momento le emissioni radioattive registrate dall'inizio della crisi equivalgono “appena” al 10% di quelle misurate nel 1986, dopo la catastrofe della centrale Ucraina, ma che si tratta di una percentuale provvisoria. L’esperienza di queste settimane ha però insegnato a tutti che le dichiarazioni ufficiali della Tepco lasciano spesso il tempo che trovano. Prima sbagliano e poi chiedono scusa.

E a tutta questa situazione si aggiunge anche il susseguirsi di nuove scosse di terremoto. Dopo quella di ieri un’altra, fortissima, si è verificata questa mattina e ha avuto come epicentro proprio la zona di Fukushima. La Tepco ha ordinato ai lavoratori di evacuare l' impianto nucleare. La nuova scossa ha avuto per epicentro Hamadori (prefettura di Fukushima) e si è verificato a una profondità di 10 km. Al momento non si registrano danni a persone e cose.